Portale di economia civile e Terzo Settore

Marte: la nostra Terra del futuro

22

Le ricerche sul pianeta rosso continuano ininterrottamente e tra le molte missioni c’è quella di trovare il modo di andare a viverci, una sorta di pianeta alternativo o un “pianeta delle vacanze” come se la Terra potesse essere sostituita. Infatti, per creare un ambiente abitabile su Marte è necessario terraformarlo, ovvero creare su di esso le stesse condizioni presenti sulla Terra.

Per ricreare un ambiente simile abbiamo bisogno di sopravvivere e per sopravvivere abbiamo bisogno di cibo che viene creato grazie ad acqua, calore e luce, ma soprattutto ossigeno. Coltivare qualcosa su Marte al momento è uno dei problemi più complessi per gli scienziati. Quindi ad oggi la missione è rendere il Pianeta rigoglioso e vivibile come la Terra.

Per ricreare tutto questo bisognerebbe ricreare l’ambiente che era presente al momento della formazione della Terra e per farlo si sta prendendo in considerazione l’idea di utilizzare i cianobatteri. Questi sono gli organismi che per primi hanno riempito la nostra atmosfera di ossigeno permettendo la formazione della vita multicellulare. Inoltre questi organismi fissano l’azoto e producono composti azotati reattivi come l’ammoniaca. Queste componenti sono essenziali per coltivare piante complesse e ciò porterebbe a rendere rigogliosi terreni e acque del Pianeta rosso.

Una recente scoperta ha messo in evidenza come alcuni cianobatteri riescano a prosperare e crescere nell’atmosfera marziana producendo ossigeno. Questi nelle giuste condizioni potrebbero ricreare quei composti azotati di cui si ha bisogno per ricreare un ambiente abitabile. L’unico aiuto di cui hanno bisogno sono luce e calore in quanto l’atmosfera del Pianeta è troppo sottile per queste creature. La pressione è così bassa che l’acqua fa fatica a non evaporare.

Quindi un processo di terraforming potrebbe essere aiutato da questi batteri insieme a giusti elementi, a patto che siano aiutati.

Di nomi, di cognomi e di altre sciocchezze
Csr: nasce il Premio Impatto

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...