Portale di economia civile e Terzo Settore

Ecco i 10 patogeni più temibili per il 2018 secondo l’Oms

4

Forse non tutti ne saranno a conoscenza, ma ogni anno l’Oms (Organizzazione mondiale della sanità) compila una lista contenente i patogeni che potrebbero mettere maggiormente a rischio la salute pubblica. I criteri con i quali l’Oms li seleziona si basano sul loro potenziale epidemico ma anche sul fatto che per essi spesso non esistono profilassi e cure.

Chiaramente non si tratta di un elenco completo di tutti i patogeni ma senz’altro ha un gran valore d’informazione e quindi ecco di seguito la lista prodotta dal gruppo di ricerca WHO Research and Development (R&D) Blueprint team. Specifichiamo che la stessa lista non è stata concepita in base alla pericolosità dei patogeni.

1 Febbre emorragica Congo-Crimea (CCHF, Crimean-Congo haemorrhagic fever): è una febbre emorragica virale con un tasso di mortalità pari al 30% che viene causata da un virus trasmesso da alcune zecche;

 2 Ebola: purtroppo valutata ancora come una minaccia reale;

 3 Virus Marburg: causa febbre emorragica in alcune zone dell’Africa centrale, con serbatoio animale ancora incerto;

4 Febbre di Lassa: anch’essa è una febbre emorragica acuta presente in Africa occidentale, e trasmessa dal contatto con cibo contaminato da escrementi di roditori infetti;

 5 Sindrome respiratoria mediorientale da coronavirus (Middle East Respiratory Syndrome, MERS): una patologia da coronavirus, con un tasso di mortalità del 30%;

 6 Sindrome acuta respiratoria grave (Severe acute respiratory syndrome, SARS): una malattia da coronavirus con un tasso di mortalità del 15%;

7 Virus Nipah e infezioni da Henipavirus: sono malattie zoonotiche che dai serbatoi naturali – ad esempio volpi volanti e altri animali selvatici – vengon trasmesse a molti animali domestici e anche all’uomo;

 8 Febbre della Rift Valley: è una zoonosi virale trasmessa dalle zanzare che interessa i ruminanti, ma può contagiare anche l’uomo;

 9 Zika: ancora presente dallo scorso anno, dopo il periodo di massima esplosione risalente al 2016;

10 Malattia X: non si tratta di una malattia vera e propria ma sta a indicare che qualunque patogeno, anche sconosciuto, potrebbe rappresentare l’origine di un’epidemia internazionale.

In vigore Decreto Legge sulle specie invasive non autoctone
L’uomo di Neanderthal dipingeva più di 60.000 anni fa

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...