Portale di economia civile e Terzo Settore

Parte oggi la campagna di educazione ambientale “CircOLIamo”

13

Difesa e rispetto per l’ambiente è l’obiettivo della campagna informativa itinerante “CircOLIamo” che sbarcherà, fino a fine maggio, in cinque regioni italiane quali Umbria, Lazio, Toscana, Veneto e Friuli-Venezia Giulia.

La campagna, realizzata dal Consorzio Obbligatorio degli Oli Usati (COOU), il primo ente in Italia che dal 1984 recupera la quasi totalità dell’olio usato raccoglibile, con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e di Anci, mira a promuovere, attraverso il dialogo con i cittadini e le istituzioni locali, una corretta gestione dell’olio lubrificante usato.

Come spiega il presidente del COOU, Paolo Tomasi: «La piccola parte che sfugge ancora alla raccolta si concentra soprattutto nel “fai da te”: per intercettarla abbiamo bisogno del supporto dalle amministrazioni locali, per una sempre maggiore diffusione di isole ecologiche adibite anche al conferimento degli oli lubrificanti usati di provenienza domestica, e di sensibilizzare al contempo gli operatori dell’informazione e i cittadini sui danni ambientali derivanti da uno smaltimento scorretto di questo rifiuto pericoloso».

In ogni tappa il team di CircOLIamo incontrerà i ragazzi delle scuole del territorio, che parteciperanno agli educational loro dedicati e si sfideranno a “Green League”, ossia il progetto che prevede un sistema di giochi online volti all’educazione ambientale. Ciò all’interno di strutture gonfiabili leggere che per l’occasione si trasformeranno in sala conferenza e in sala giochi per gli studenti.

Inoltre, saranno diversi i temi su cui verteranno le conferenze che si svolgeranno nei principali capoluoghi di provincia come gli oli lubrificanti usati, i rischi per l’ambiente, l’importanza del riciclo dei rifiuti pericolosi e le opportunità per l’economia locale.

Potete seguire ogni tappa della campagna informativa andando sul portale http://www.circoliamo2016.it/

Al via #StartupSurvery, la prima indagine sul mondo delle startup
Ecco gli esiti del Referendum trivelle

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...