WWF Tag

pesce

Pubblicato il 12 luglio, 2018Da Milena Pennese

Fao: l’Europa non ha più pesce per il resto dell’anno

È stata la Fao a lanciare l’allarme pubblicando un rapporto dal titolo Stato della pesca e dell’acquacoltura mondiale (SOFIA) che conferma la devastazione degli ecosistemi marini e oceanici, con la conseguente carenza abnorme di pesce. Secondo il rapporto, il 33% degli stock globali di pesce è sovrasfruttato e addirittura circa il 60% viene pescato al massimo della capacità. Proprio per questi motivi si calcola che il 9 luglio scorso l’Europa abbia raggiunto quello che viene chiamato il Fish dependence day, e abbia cioè terminato le proprie scorte di pesce eLeggi tutto
biodiversità

Pubblicato il 22 maggio, 2018Da Redazione

Giornata mondiale della biodiversità

22 maggio 2018 – Fortemente voluta dall’Onu, dal 1993 si celebra ogni anno in questo stesso giorno la Giornata mondiale della biodiversità. La data non è casuale ma rimanda all’adozione della Convenzione sulla diversità biologica, avvenuta il 22 maggio 1992, attraverso cui viene sottolineato come lo sviluppo sostenibile sia la base per costruire un benessere duraturo. È importante mettere in risalto come il futuro dell’intera umanità sia imprescindibile dalla sopravvivenza della varietà biologica presente su tutto il globo. Da essa dipende il sostentamento di interi popoli nelle zone più varieLeggi tutto
lego mattoncini

Pubblicato il 11 aprile, 2018Da Lucrezia Buccella

Mattoncini Lego: i giocattoli saranno più sostenibili

Giocattoli più green per Lego: alberi e cespugli per le città saranno composti da etanolo estratto da canna da zucchero. I pezzi sono riciclabili ma non totalmente biodegradabili. L’azienda danese ha dichiarato che quest’anno gli “elementi vegetali” saranno composti da politilene, ricavato dall’etanolo estratto dalla canna da zucchero, un biocarburante che sostituisce le plastiche da idrocarburi, attualmente utilizzate per la creazione dei mattoncini. In più gli scarti della produzione di etanolo saranno usati per produrre elettricità. La sostenibilità del materiale è confermata dal WWF  e dall’adesione alla Bioplastic Feedstock AllianceLeggi tutto
McDonalds
McDonald’s ha annunciato nei giorni scorsi il proposito di ridurre di 150 milioni di tonnellate le sue emissioni di gas serra, perseguendo due obiettivi entro il 2030: ridurre del 36% le emissioni della sua rete di ristoranti e uffici e del 31% le emissioni della catena di distribuzione. Questo doppio obiettivo è stato approvato dal Science Based Target initiative (SBTi) – una partnership tra l’Istituto Mondiale di Ricerca, Wwf, Cdp (Carbon disclosure Project) e il Patto Globale delle Nazioni Unite – che aiuta le varie aziende a determinare di quantoLeggi tutto
WWF
Il WWF, in collaborazione con i ricercatori dell’Università dell’East Anglia e della James Cook University, ha stilato un report che rivela come molti luoghi del nostro pianeta “potrebbero diventare irriconoscibili agli occhi dei nostri figli”. Questo a causa di fenomeni meteorologici estremi, siccità, inondazioni e ovviamente incapacità di adattamento degli organismi alle modifiche ambientali. A seguito dei cambiamenti della biodiversità dei luoghi scatta l’allarme del WWF e viene spiegato che se non agiremo concretamente per contrastare l’aumento della temperatura globale, addirittura la metà delle specie animali e vegetali rischia l’estinzioneLeggi tutto
Earth_hour

Pubblicato il 14 marzo, 2018Da Milena D'Aquila

Earth Hour: un’ora al buio in difesa della Terra

Spegnere la luce è un gesto semplice e quotidiano ma che può assumere valenza simbolica se a essere spente sono all’unisono milioni di lampadine. Con l’obiettivo di porre all’attenzione dei potenti le pesanti ripercussioni provocate dal cambiamento climatico sul nostro Pianeta, sabato 24 marzo torna, dalle 20.30 alle 21.30 di ciascun Paese del Mondo, Earth Hour – Ora della Terra: la più grande mobilitazione globale organizzata dal Wwf in difesa del Pianeta. Per sessanta minuti case, edifici e monumenti di tutto il mondo saranno avvolti dal buio e, in Italia,Leggi tutto
orango

Pubblicato il 9 marzo, 2018Da Patrizia Abello

Orango: una specie a rischio di estinzione

L’orango è una specie in via di estinzione: abita nelle foreste del Borneo e di Sumatra, territori che hanno dato rispettivamente il nome comune di orango del Borneo (che costituisce il 90% della loro popolazione) e orango di Sumatra (il restante 10%). Non a caso una ricerca pubblicata su Current Biology  riporta dati che sono stati definiti scioccanti: nei 16 anni tra il 1999 e il 2015 sono scomparsi solo nel Borneo ben 100.000 esemplari di orango. Una strage, dice il rapporto, causata dall’uomo, dalla deforestazione da olio di palma,Leggi tutto
amore
Si conclude oggi una settimana all’insegna della celebrazione del sentimento amoroso e, complice S.Valentino, il Wwf ha pensato di raccontare, attraverso degli scatti, le storie d’amore di alcune specie animali. Peccato che a rovinare l’idillio ci si metta un clima “ballerino”, instabile quanto un trapezista inesperto alla sua prima performance. Eh già perché i cambiamenti climatici incidono profondamente sulla vita di ogni specie animale influenzando perfino quella che Battiato definisce, in una sua celebre canzone, “la stagione dell’amore”. Ai poli i pinguini imperatore stentano a trovare luoghi idonei per laLeggi tutto
Avorio

Pubblicato il 8 febbraio, 2018Da Milena D'Aquila

Hong Kong dice basta al mercato dell’avorio

In festa gli animalisti: dopo la Cina (leggi l’articolo) anche Hong Kong, il territorio con il più grande mercato al dettaglio per le zanne, dice basta al mercato dell’avorio. Le pene per i trasgressori saranno durissime: chi decidesse di violare la legge dovrà vedersela con multe salatissime pari a un massimo di 10 milioni di dollari locali, circa un milione di euro, o la reclusione fino a 10 anni. Gli elefanti dunque possono tirare un sospiro di sollievo: le loro zanne saranno presto al sicuro. Positivi anche i commenti degliLeggi tutto
elefanti avorio

Pubblicato il 9 gennaio, 2018Da Redazione

Avorio: la Cina dice stop al commercio

Il nuovo anno inizia con una buona notizia per gli elefanti e più in generale per gli amanti della natura e degli animali. A partire dai giorni scorsi, infatti, è diventato illegale trattare o vendere l’avorio e i suoi prodotti derivati in Cina, considerato finora il più grande mercato del mondo. Si tratta di un grande passo avanti nel contrasto al bracconaggio, in particolare quello ai danni degli elefanti, e di un momento storico per Zhou Fei, a capo di Traffic China e del Programma per il commercio della faunaLeggi tutto