povertà Tag

#iodonofiducia
In occasione della Giornata Internazionale della Lotta contro la Povertà –, Fondazione L’Albero della Vita ha presentato la nuova campagna #iodonofiducia sul tema della povertà in Italia al femminile con un focus sulla figura delle mamme. In Italia il 5% della popolazione è costituito da donne e minori che vivono in povertà assoluta. La campagna #iodonofiducia si incentra su un esperimento sociale con protagoniste una mamma senza lavoro e sua figlia e ha come obiettivo quello di capire quanto gli italiani siano disposti ad aiutare concretamente una donna sola, senzaLeggi tutto
freccia alimentazione

Pubblicato il 18 ottobre, 2017Da Valerio Roberto Cavallucci

Conflitti, cambiamenti climatici e diritto all’alimentazione

Due giorni fa abbiamo celebrato la Giornata mondiale dell’alimentazione, ricordando la costituzione dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO), avvenuta il 16 ottobre 1945. Il tema dell’anno è “Cambiare il futuro della migrazione. Investire nella sicurezza alimentare e nello sviluppo rurale”. Qualche riflessione per prendere atto della drammaticità della situazione reale, per comprendere gli impegni della “grande” politica e, infine, ascoltare una voce profetica. Del primo aspetto si fa carico Oxfam Italia ricordando la situazione della regione del Lago Ciad – l’area di confine tra Nigeria, Niger, Camerun eLeggi tutto
giornata-internazionale-delle-donne-rurali

Pubblicato il 15 ottobre, 2017Da Redazione

Giornata internazionale delle donne rurali

15 ottobre 2017 – Istituita dall’Onu con la risoluzione 62/136 del 18 dicembre 2007, oggi ricorre la Giornata internazionale delle donne rurali, così battezzata per rimarcare l’importante ruolo che rivestono le donne nella produzione alimentare nel mondo, seppure spesso tra le difficili condizioni entro le quali sono costrette a operare. È un’occasione concreta, quindi, per veder riconosciuto il ruolo significativo ricoperto dalle donne, capaci di promuovere lo sviluppo agricolo e rurale e di migliorare le condizioni per la sicurezza alimentare contribuendo alla crescita economica nelle zone più vulnerabili e remoteLeggi tutto
Djokovic

Pubblicato il 13 ottobre, 2017Da Redazione

Novak Djokovic: campione nel tennis e nella vita

Campioni sportivi si può diventare, ma con grandi sacrifici: ci sono allenamenti duri, occorre costanza, ci vuole dedizione. Ma a volte campioni si nasce e occorre cuore, bisogna non dimenticare mai chi è più sfortunato di noi. Come il grande tennista serbo Novak Djokovic che si appresta ad aprire, in una località della Serbia non ancora resa nota, il suo terzo ristorante che avrà una finalità assolutamente speciale: sarà aperto solo alla sera e sarà assolutamente gratuito per tutti coloro che non possono permettersi un’alimentazione completa a causa di unLeggi tutto
reddito di inclusione

Pubblicato il 19 settembre, 2017Da Valerio Roberto Cavallucci

Reddito di inclusione: non possiamo accontentarci

Reddito di inclusione: proviamo a non essere disfattisti (leggi l’editoriale). Così ammoniva il nostro direttore in un recente editoriale. Erano i giorni in cui l’iter di approvazione del reddito di inclusione stava muovendo passi importanti, che avrebbero portato, dopo qualche settimana, alla sua definitiva approvazione. Per formazione e per esperienza non siamo mai stati disfattisti e, per questo, proviamo sempre a riconoscere quanto di buono è stato fatto. Ma per continuare a “pensare positivo” è necessario mantenere lo sguardo fisso in avanti, verso obiettivi giusti, realistici, ambiziosi. È quello cheLeggi tutto
senza dimora
Insieme al Rei (Reddito di inclusione) nel corso del 2018 sono previste anche delle novità che riguarderanno le fasce più bisognose che si trovano ad affrontare condizioni di povertà estrema, come ad esempio le persone senza dimora che Italia sono oltre 50.000. Saranno infatti erogati 20 milioni di euro all’anno per provare a dare una risposta concreta a questo tipo di realtà e i soldi arriveranno dal Fondo povertà. Si tratta di una misura che, come spiega in nota la fio.PSD, «rappresenta un grande traguardo conquistato con anni di impegnoLeggi tutto
reddito di inclusione
Come avevamo dato notizia qualche mese fa (leggi l’articolo), il Rei (Reddito di inclusione) entrerà a far parte delle misure di contrasto alla povertà decise dal governo a partire dal 1° gennaio 2018. Si attendeva infatti soltanto il sì definitivo del Consiglio dei ministri che ha approvato il provvedimento in favore delle famiglie il cui Isee non sia superiore ai 6.000 euro annui e il cui patrimonio immobiliare non superi i 20.000 euro, fatta eccezione per la casa in cui si abita. Esattamente come si era pattuito inizialmente, nel primoLeggi tutto
unicef
Nei Paesi ricchi non tutti se la passano bene, soprattutto i bambini: dieci anni di crisi economica hanno lasciato il segno nelle società dei Paesi ad alto reddito (UE e area OCSE), e oggi un bambino su 5 vive in condizioni di povertà rispetto alla media dei coetanei e addirittura 1 su 8 affronta difficoltà ad ottenere un’alimentazione adeguata. A denunciarlo è Unicef che nelle scorse settimane ha lanciato una nuova campagna video per sensibilizzare sul problema. I risultati nell’analisi comparativa tra 41 Stati sono pubblicati nel rapporto “Costruire ilLeggi tutto
acqua
Il 30% delle persone che abitano il Pianeta non ha accesso all’acqua, elemento primario di sopravvivenza per l’uomo. Parliamo di ben 2,1 miliardi di individui che all’interno delle proprie abitazioni non hanno una fonte di acqua potabile. La denuncia arriva da un rapporto congiunto di Unicef e Oms (Organizzazione mondiale della sanità) dopo un attento studio fatto di indagini a livello globale sulla distribuzione dell’acqua. Com’è facilmente intuibile, le risorse idriche mancano soprattutto nelle zone rurali del mondo e, a tal proposito, il direttore generale dell’Oms Tedros Adhanom Ghebreyesys osserva:Leggi tutto
casalinghe

Pubblicato il 11 luglio, 2017Da Redazione

Diminuiscono le casalinghe nel nostro Paese

Sarà che i tempi sono cambiati, sarà che – per fortuna – le donne oggi sono sempre più emancipate e ambiziose o sarà che ormai uno stipendio solo in famiglia non basta più: sta di fatto che in Italia ormai le donne sembrano non voler più fare le casalinghe. A rivelarlo è l’ultimo rapporto pubblicato dall’Istat dal titolo “Le casalinghe in Italia” che mette in luce come negli ultimi dieci anni il nostro Paese abbia detto addio a circa mezzo milione di donne che lavorano in casa. Se nel 2016 in ItaliaLeggi tutto