offerta formativa Tag

La cooperazione nasce di fatto nel 1844, in piena Rivoluzione Industriale, inaugurando un periodo pionieristico che ben presto fece della struttura cooperativa un modello da imitare in ogni parte d’Europa. Arrivato nel 1854 in Italia, il processo fu inarrestabile, tanto che alla fine dell’anno 1862 si potevano contare nel Regno d’Italia ben 443 società di mutuo soccorso (tratto da Legacoop). Ma la storia continua, e sull’onda del progresso economico degli anni cinquanta e sessanta, la cooperazione godette di un intenso sviluppo dimensionale e qualitativo e in tutti questi anni ha consentito a cetiLeggi tutto
Scadono l’8 gennaio 2018 le iscrizioni alla II Edizione del corso di alta formazione in “WELFARE COMMUNITY MANAGER. Culture, modelli imprenditoriali e progettazione di servizi sociali innovativi” attivato dall’Alma Mater Studiorum Università di Bologna in collaborazione con la propria Fondazione e Aiccon. Riccardo Prandini, Direttore Scuola di Scienze Politiche, sottolinea che:«Proponendo una riflessione teorica ed empirica sul passaggio da un welfare passivo a uno attivo, il Corso ha l’obiettivo di formare e specializzare esperti in grado di progettare un sistema di welfare plurale e reticolare (pubblico, privato e di terzo settore), capace diLeggi tutto
Per meglio intendere il valore e l’importanza dell’Agricoltura sociale, credo sia oppportuno citare alcuni passaggi argomentativi di Francesco Di Iacovo (Professore di Economia Agraria presso l’Università di Pisa) e di Loretta Dormal Marino (Vicedirettore generale del DG AGRI – Commissione europea): “Le pratiche di Agricoltura Sociale riguardano iniziative volte a promuovere azioni co-terapeutiche, di inclusione sociale e lavorativa, di educazione e formazione per soggetti a più bassa contrattualità (persone con disabilità psichiatriche o mentali, persone con disabilità fisiche, migranti, anziani, disoccupati di lunga durata, dipendenti da alcool o droghe, persone in regime alternativoLeggi tutto

Pubblicato il 5 ottobre, 2017Da Maria Pia Rana

Confindustria X i giovani: incontro tra giovani talenti e imprese

Confindustria è la principale associazione di rappresentaza delle imprese manifatturiere e di servizi in Italia. Obiettivo cardine è quello di garantire la centralità dell’impresa quale motore per lo sviluppo economico, sociale e civile del Paese e le sue parole chiave sono professionalità, competenza, capacità di iniziativa e attitudine al cambiamento. Inoltre la stessa promuove una visione collaborativa, integrata e intersettoriale delle politiche di sviluppo puntando non solo sull’incontro domanda e offerta di Education e l’occupazione giovanile ma soprattutto promuovendo la diffusione dei nuovi ITS in collegamento con le imprese; potenziando il rapportoLeggi tutto
Scrivere….  un libro, un articolo, la storia della propria vita, una recensione. Un foglio di carta o un file ti aspettano per essere imbrattati e ricoperti di ogni genere di scritte.. Ma la scrittura credo possa essere considerata una tra le forme di comunicazione più difficili da praticare, forse. Si perchè non è come parlare. La gestualità, la verbalità facilitano il racconto, la narrazione. Con la scrittura, invece, se non riusciamo fin dalle prime battute a catturare l’attenzione e l’interesse del lettore, allora le nostre buone intenzioni finiranno “ingloriosamente” nel cestino della carta straccia, oLeggi tutto

Pubblicato il 6 settembre, 2017Da Maria Pia Rana

Professione welfare: flessibilità, concretezza, network

Il welfare aziendale sta prendendo decisamente piede e le motivazioni principali sono due: la crescente sensibilità per aspetti come l’immagine sul territorio e la soddisfazione del personale; le agevolazioni fiscali che il Governo ha recentemente introdotto. Infatti la Legge di Stabilità 2016 ha modificato l’art. 51 del Testo Unico delle Imposte sui Redditi (Tuir), limitando al 10% forfettario la tassazione su premi di produzione fino a 2.000 euro per i lavoratori con reddito sotto i 50mila euro. Ma se il lavoratore sceglie di convertire il premio in benefit, cioè in elementi di retribuzioneLeggi tutto
La I Edizione del MASTER in Europrogettazione Opportunità e strumenti per lavorare e innovare nel Terzo Settore e nell’Economia Civile avrà inizio il 27 ottobre 2017. Organizzato da Fondazione Triulza e Progetto Innovo in partnership con Fondazione Cariplo, l’obiettivo è quello di formare figure professionali in materia di progettazione comunitaria a favore delle organizzazioni del Terzo Settore e dell’Economia Civile per soddisfare l’esigenza di affrontare le nuove e sempre più crescenti richieste sociali con fondi pubblici e locali ormai insufficienti. Parliamo di una delle iniziative promosse nell’ambito del progetto “BEEurope: Bet on European Energies” utile a sostenereLeggi tutto
Il Master Progettare Cultura promosso dalla ALMED – Alta Scuola in Media Comunicazione e Spettacolo dell’Università Cattolica Sacro Cuore di Milano e dal POLI.design – è giunto alla sua XI edizione e contempla l’obiettivo di formare nuove figure professionali che creino progetti culturali in diversi ambiti: le arti visive, multimediali e del design (come project manager o curatori di eventi espositivi e interventi d’arte), la valorizzazione del territorio fondata sulle risorse e il turismo culturali (come consulenti di sviluppo territoriale per gli enti locali) e la rigenerazione urbana.  Attraverso gli strumenti più in linea con l’ambito di riferimento si impareràLeggi tutto
A circa un anno dalla precedente edizione, Altis – Alta Scuola Impresa e Società – dell’Università Cattolica del Sacro Cuore in collaborazione con Human Foundation ripropone la IV^ Edizione dell’Executive Master in Social Entrepreneurship (EMSE).  Ancora una volta parliamo di un master di I° livello rivolto a un target ben preciso che opera nel terzo settore e che risponde a esigenze di formazione manageriale per poter operare in modo efficace, funzionale e produttiva nelle imprese sociali, nel non profit, nelle cooperative, associazioni e ONG in Italia e all’estero. In particolare, il target di riferimento è costituitoLeggi tutto

Pubblicato il 6 luglio, 2017Da Maria Pia Rana

MPAM – Master in Performing Arts Management: economia e cultura

Parliamo di un master oltremodo interessante quale il MPAM – Master in Performing Arts Management, realizzato dall’Accademia Teatro alla Scala in collaborazione con MIP – Politecnico di Milano Graduate School of Business e il Piccolo Teatro di Milano-Teatro d’Europa.  Interessante proprio perché vuole valorizzare lo spettacolo teatrale e musicale in quanto fenomeno sociale, politico ed economico, oltre che dare vigore allo spettacolo dal vivo, quale strumento per salvaguardare e tramandare il patrimonio e l’identità culturale del proprio Paese. Notevole per la collaborazione nata fra l’Accademia, il Politecnico di Milano Graduate School of Business e il Piccolo TeatroLeggi tutto