napoli Tag

freccia baby gang

Pubblicato il 17 gennaio, 2018Da Antonella Luccitti

Baby gang: di chi è la colpa di tanta violenza?

“Sono peggio dei camorristi”, “violenza nichilista”, “comandano loro”, “il branco si sente invincibile”, “metodiche di carattere terroristico”. Sono solo alcune delle frasi pronunciate dal ministro dell’Interno Minniti o dai militari che ogni giorno scendono in strada a Napoli in riferimento all’odioso e preoccupante fenomeno delle baby gang che stanno sconvolgendo l’Italia intera con la loro violenza senza scrupoli. Non che quello dei piccoli criminali sia un fenomeno nuovo – questo va detto –  ma sembra che negli ultimi mesi il problema si stia ampliando a macchia d’olio, in una recrudescenzaLeggi tutto
salvi per un pelo
L’associazione si chiama Salvi per un pelo ed è composta d una squadra di barbieri, parrucchieri ed estetisti che a Napoli, ogni settimana, si riunisce vicino la scuola Dante Alighieri sotto dei gazebo. Qui, completamente gratis, vengono accolti tutti coloro che versano in stato di bisogno e per i quali tagliarsi i capelli è divenuto un lusso. Non si tratta di un’iniziativa benefica rivolta dunque solo ai clochard ma aperta a tutti quelli che all’improvviso hanno perso il lavoro, oppure ne hanno uno poco remunerativo o, ancora, vivono con diversiLeggi tutto
Normale di Pisa

Pubblicato il 26 ottobre, 2017Da Redazione

La Normale di Pisa pronta ad aprire una sede a Napoli

La Scuola Superiore Normale di Pisa, una tra le 7 pubbliche presenti in Italia, sarà la prima a muovere i suoi passi verso Sud e, per l’esattezza, a Napoli. Nessuna data ufficiale al momento ma la decisione, in collaborazione con l’Università Federico II, è stata presa. Questo, naturalmente, non significa che una delle eccellenze del nostro Paese stia andando incontro a un trasferimento, al contrario si tratta, come ha dichiarato Vincenzo Barone – direttore dell’istituto pisano – di «un ulteriore investimento per dimostrare che le cose per bene si possonoLeggi tutto
Dall’inizio della nostra avventura con Felicità Pubblica abbiamo avuto modo di conoscere tante esperienze interessanti, che ci hanno entusiasmato, commosso, reso felici o per le quali abbiamo fatto il tifo con tutte le nostre forze. Quella che abbiamo scelto di raccontarvi nell’approfondimento di crowdfunding di questa settimana è proprio una di queste, che ci sentiamo di sostenere invitando voi lettori a fare altrettanto, anche solo condividendo l’articolo. Si tratta di una campagna, dal titolo “Ultima opera al Parco dei Murales”, pubblicata nelle scorse settimane sulla piattaforma Meridonare per iniziativa dell’associazioneLeggi tutto
Ryanair
Ryanair (qui il sito), una delle compagnie aeree low cost più note, è alla ricerca di nuovo personale. Per la precisione, le posizioni aperte come membri dell’equipaggio sono 100 e – aspetto molto allettante – non è richiesta alcuna esperienza precedente per candidarsi ai colloqui. La selezione partirà da Catania per poi spostarsi in altre città italiane per far fronte all’ampliamento del servizio dei voli in coincidenza dall’aeroporto di Orio al Serio, in provincia di Bergamo. Andrew Swan, il general manager di Crewlink, partner ufficiale per il reclutamento e laLeggi tutto
disability pride
Con l’hashtag #NonTiNascondere si è concluso ieri il Disability Pride Italia (qui il sito), evento sostenuto da volti noti della televisione e della musica, da Ficarra a Picone fino a Saturnino, passando per l’ironia di Giobbe Covatta. Forse non tutti conoscono questa iniziativa ma in Italia è nata tre anni fa seguendo le orme di una manifestazione molto simile che si tiene abitualmente a New York, segno di come iniziative intelligenti possano essere prese ad esempio ed applicabili in altre realtà del mondo. D’altronde, lo scopo dei disabili è perLeggi tutto
morso di luna nuova
Alzi la mano chi non conosce Erri de Luca. Lo scrittore partenopeo ha pubblicato il suo ultimo lavoro edito da Mondadori (2017) dal titolo Morso di luna nuova. Più che un libro è il copione di una tragedia ed è scritto in lingua napoletana. Nessun timore, tutti sono in grado di comprenderla perché l’autore ha cura di inserire tra parentesi la traduzione in italiano, ma lascia che le sfumature spesso delicate – e a volte sfrontate – della lingua si impossessino del lettore per affascinarlo. Perché De Luca è unLeggi tutto
Legalità

Pubblicato il 23 maggio, 2017Da Redazione

Giornata della legalità, Palermo chiama Italia

23 maggio 2017 – L’Italia commemora il XXV anniversario della strage di Capaci, avvenuta in questo stesso giorno del 1992, in cui persero la vita il giudice Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e tre agenti della scorta. La fondazione “Giovanni e Francesca Falcone ” rinnova l’iniziativa “Palermo chiama Italia”,  in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, che coinvolge  ogni anno oltre 50.000 studenti in tutto il Paese e, con laboratori e incontri, invita i ragazzi a riflettere sull’importanza della lotta alla mafia. Maria Falcone, sorella del giudice nonché presidente della fondazione succitata (vediLeggi tutto
i martedi del fundraising

Pubblicato il 3 maggio, 2017Da Redazione

In arrivo a Napoli “I Martedì del Fundraising”

In arrivo a Napoli “I Martedì del Fundraising”, appuntamento fortemente voluto da un team di appassionati e professionisti che lavorano da anni con successo nel mondo del fundraising, del crowdfunding e della comunicazione. Gli incontri saranno 3, ciascuno della durata di un’ora e mezza, e sono aperti a tutti coloro che lavorano a vario titolo nell’ambito di Associazioni, Onlus, Comuni, Ospedali, Musei, Scuole, Biblioteche, Centri Culturali e Start-up. Alla fine di ogni incontro, i partecipanti potranno da subito mettersi alla prova grazie alle competenze acquisite, e quindi cominciare a raccogliereLeggi tutto
Giuseppe-Salvia
14 aprile 1981 – A Napoli viene ucciso, su ordine del boss mafioso Raffaele Cutolo, il vicedirettore del Carcere di Poggioreale Giuseppe Salvia. Aveva solo 38 anni quando la “Nuova Camorra Organizzata” si rende protagonista di un vile agguato e invia sei dei suoi uomini sulla tangenziale di Napoli con il compito di uccidere l’uomo di Stato. Le ricostruzioni fatte in seguito all’omicidio di Salvia, fanno pensare che a suscitare la rabbia del boss mafioso sia stato il comportamento esemplare che il vicedirettore del penitenziario ebbe quando pretese che Cutolo,Leggi tutto