musica Tag

Pulitzer

Pubblicato il 19 aprile, 2018Da Patrizia Abello

Assegnati i premi Pulitzer 2018

Come ogni anno, il prestigioso premio Pulitzer è stato conferito a diversi professionisti in vari settori. Il premio è nato nel 1917, istituito da Joseph Pulitzer e ora è gestito dalla Columbia Univesity di New York. La giuria è composta da 19 persone che fanno parte del mondo dell’informazione, di quello accademico e di quello letterario. Segnaliamo di seguito le assegnazioni più importanti e incisive. Il riconoscimento per il giornalismo d’inchiesta è andato al Washington Post, i cui giornalisti hanno scoperto e poi seguito lo sconfortante caso del “Russiagate”, suLeggi tutto
L'uomo nero

Pubblicato il 4 aprile, 2018Da Patrizia Abello

Amnesty e Voci per la Libertà: vince L’uomo nero di Brunori Sas

Il premio Amnesty International e Voci per la Libertà dell’edizione 2018  – ne avevamo parlato in questo articolo – è stato conferito alla canzone L’uomo nero di Brunori Sas, cantautore che lo scorso anno aveva vinto il Premio Tenco. Il concorso è stato creato nell’anno 2003 e prima di Dario Brunori il riconoscimento era andato a importanti nomi della musica e del cantautorato italiani come Francesco Guccini, Samuele Bersani, Paola Turci, Daniele Silvestri e molti altri. L’uomo nero ha sbaragliato tutti, con le sue parole crude e ficcanti, mirate adLeggi tutto
bullismo marco baruffaldi

Pubblicato il 16 marzo, 2018Da Redazione

La canzone rap di Marco Baruffaldi contro il bullismo

Ha grinta da vendere Marco Baruffaldi, 22enne di Castelfranco Emilia, in provincia di Modena. Lui è affetto da sindrome di down ed è stato, suo malgrado, vittima di bullismo. Ma non si è arreso davanti ai soprusi; al contrario Marco ha trasformato questi episodi in una canzone rap, Siamo diversi tra noi, che rappresenta un messaggio forte contro gli aguzzini e a sostegno delle vittime. “Vorrei raggiungere più persone possibili così che possano imparare a reagire e a difendersi contro il bullismo”, spiega il ragazzo che con il suo video è giàLeggi tutto
amnesty

Pubblicato il 5 marzo, 2018Da Antonella Luccitti

Amnesty Italia premia la migliore canzone sui diritti umani

Chi sarà il vincitore dell’edizione 2018 del Premio di Amnesty International Italia e Voci per la Libertà riservato al miglior brano sui diritti umani? C’è grande attesa in merito al verdetto della giura che quest’anno dovrà cimentarsi con brani molto vari sia dal punto di vista del contenuto che del genere musicale. Dopo un’attenta selezione, sono dieci i finalisti individuati che si contenderanno il prestigioso riconoscimento riservato a brani sul tema dei diritti umani pubblicati da big della musica italiana nell’anno precedente. Vediamo dunque qual è la rosa dei candidati:Leggi tutto

Pubblicato il 29 gennaio, 2018Da Maria Pia Rana

Concorso “Voci per la libertà – Una Canzone per Amnesty”

Scadenza: 30 aprile 2018. Concorso musicale unico in Italia, “Voci per la libertà – Una Canzone per Amnesty” è arrivato alla sua 21esima edizione offrendo ancora una volta l’opportunità a cantanti e gruppi musicali emergenti di presentare un proprio brano che sappia interpretare e diffondere i principi della Dichiarazione universale dei diritti umani. La competizione viene organizzata e promossa dall’Associazione Culturale Voci per la Libertà e da Amnesty International Italia, intanto per diffondere i principi della Dichiarazione universale dei diritti umani ma anche per avvalorare l’importanza della musica come mezzo di comunicazione dei valori di rispettoLeggi tutto
rigopiano
In occasione dell’anniversario della tragedia di Rigopiano, la band Le Stanze di Federico, ha organizzato un’iniziativa per non dimenticare, insieme agli artisti emergenti più noti del panorama musicale abruzzese. E’ stata una giornata di registrazione in studio, presso la Gallirecords, etichetta indipendente abruzzese, di una versione corale del brano “Dove la neve non cade” di Federico Galli, Piero Garone e Davide Scudieri. Il senso del brano è soprattutto nelle parole “dove la neve non cade”. La neve purtroppo quel giorno è caduta, e ha fatto un danno incalcolabile. La neveLeggi tutto
Fabbrica Alta di Schio

Pubblicato il 22 gennaio, 2018Da Antonella Luccitti

La Fabbrica Alta di Schio cerca artisti da tutto il mondo

Aaa cercasi artisti da tutto il mondo per far tornare a vivere la Fabbrica Alta di Schio, in provincia di Vicenza. Questo gigante, realizzato nel 1862 su progetto dell’architetto belga Auguste Vivroux,  un tempo era un opificio e rappresenta uno dei simboli dell’industrializzazione italiana. Ma oggi lo stabilimento, che per anni è stato abbandonato, è pronto a tornare a vivere grazie all’innovativo progetto “Deus Ex Fabrica”. Sta giungendo alla sua fase conclusiva, infatti, il percorso di rigenerazione culturale e urbana “FabricAltra”, promosso dal Comune di Schio insieme alla Fondazione Teatro CivicoLeggi tutto
displays

Pubblicato il 2 gennaio, 2018Da Antonella Luccitti

Displays: la musica che unisce la Puglia ai bambini disabili saharawi

C’è ancora qualche giorno di tempo per sostenere la campagna di crowdfunding Displays, lanciata sulla piattaforma Musicraiser da Desert Session, un collettivo musicale nato dalla mescolanza dei suoni pugliesi e saharawi. Il disco, da cui prende il nome la campagna, è stato registrato tra Auserd, campo rifugiati saharawi nel deserto algerino, e Tricase nel 2016, e ripercorre in nove brani tutta la profondità dell’esperienza di cooperazione e accoglienza tra il Capo di Leuca pugliese e il Sahara vissuta negli anni da operatori dell’organizzazione di volontariato “TreGiriDiTe”, musicisti, volontari, bambini saharawi con disabilità. DisplaysLeggi tutto
graham de lacy

Pubblicato il 19 dicembre, 2017Da Redazione

Foto di Graham De Lacy

carcere

Pubblicato il 15 dicembre, 2017Da Redazione

Rebibbia: musica in carcere per “controllare l’odio”

La musica come strumento per controllare l’odio e come ottima compagna di viaggio per intraprendere un lungo percorso emotivo verso la rinascita. E’ questo il senso dell’iniziativa che è stata inaugurata ieri mattina a Roma nella sezione femminile della Casa Circondariale di Rebibbia. Si tratta della sonorizzazione di 357 metri di corridoi che separano gli spazi detentivi da quelli di colloquio e consultazione, con la musica strumentale tratta dalle audioteche del progetto CO2 “Controllare l’odio”, sostenuto da SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori. Si tratta di un progettoLeggi tutto