mare Tag

aquarius
Della nave Aquarius della Ong Sos Mediterranèe e della sua vicenda che l’aveva portata ad attraccare a Valencia per lo sbarco di 629 migranti avevamo raccontato in questo editoriale. La nave è gestita in partnership con Medici senza frontiere e da circa un mese è attraccata al Molo 2 del Vecchio porto di Marsiglia, accanto a varie navi mercantili che affollano il porto secolare. La sosta è stata tecnica per riassetto e piccole sistemazioni, ma è stata prolungata anche alla luce dell’incertezza che si è venuta a creare a causaLeggi tutto
cei

Pubblicato il 20 luglio, 2018Da Antonella Luccitti

Migranti: le parole della Conferenza Episcopale Italiana

La Conferenza Episcopale Italiana ieri ha espresso il suo parere su quanto sta accadendo nel Mediterraneo. Esplicito il titolo: Migranti, dalla paura all’accoglienza. Non c’è bisogno di alcun commento. Da laico esprimo gratitudine ai Vescovi italiani per aver pronunciato parole inequivoche in un momento in cui siamo costretti a chiederci dove sia finita la nostra umanità. Migranti, dalla paura all’accoglienza Gli occhi sbarrati e lo sguardo vitreo di chi si vede sottratto in extremis all’abisso che ha inghiottito altre vite umane sono solo l’ultima immagine di una tragedia alla qualeLeggi tutto
creta

Pubblicato il 17 luglio, 2018Da Valerio Roberto Cavallucci

Creta tra Egeo e Mar della Libia

Creta: un’occasione da non perdere. Ne vale sempre la pena: preparando il viaggio con letture e approfondimenti o lasciandosi andare in un viaggio organizzato. Comunque non mancheranno emozioni. Ma non pretendete di conoscere l’isola con una permanenza di pochi giorni. Circa trecento chilometri sull’asse est-ovest, poco meno di sessanta nel punto di massima ampiezza sull’asse nord-sud. Creta è grande ed estremamente ricca di emergenze naturalistiche e storiche. Creta merita rispetto, attenzione, tempo. Creta pretende più visite. Non a caso qualcuno la ritiene “il culmine di ogni viaggio in Grecia”. ConLeggi tutto
cartoline

Pubblicato il 13 luglio, 2018Da Antonella Luccitti

Cartoline contro le morti in mare: al via la call per i creativi

Fino a qualche anno fa inviare cartoline dai luoghi di vacanza era un’abitudine diffusa. Poi l’avvento dei cellulari e dei social network, in grado di tenerci in contatto con amici e parenti lontani in qualsiasi momento del nostro viaggio, ha mandato in pensione francobolli e cassetta delle lettere. Eppure c’è chi ha pensato di rispolverare la tanto amata cartolina per lanciare un messaggio davvero forte contro le morti in mare. Si tratta di un gruppo di giovani creativi che ha deciso di recapitare 10.000 cartoline al Ministero dell’Interno con destinatarioLeggi tutto
freccia divieti

Pubblicato il 27 giugno, 2018Da Antonella Luccitti

Tutti al mare, ma attenzione ai divieti!

“Per quest’anno, non cambiare, stessa spiaggia, stesso mare”. Ma attenzione ai nuovi divieti! L’estate è tornata, anche se il caldo africano si sta facendo ancora attendere, e sono molti gli italiani già da settimane alle prese con le ferie di giugno e con i primi bagni di sole sulle spiagge italiane. Ma i bagnanti devono stare molto attenti se vogliono evitare di incorrere in spiacevoli e salate contravvenzioni. Da quelle più classiche a quelle più strane, sono diverse le norme che vanno osservate per rispetto della natura o degli altriLeggi tutto
tumore donna al mare

Pubblicato il 8 giugno, 2018Da Redazione

Tumore al seno e mare: ecco i 5 consigli dell’esperto

L’estate è ormai finalmente arrivata e molti italiani sono già alle prese con le valigie per partire per le vacanze. Meta preferita, come ogni estate, è sicuramente una bella spiaggia dove prendere la tintarella e fare dei bagni rinfrescanti. Ma come devono comportarsi le donne che hanno subito degli interventi chirurgici a causa di tumori al seno o che stanno facendo il ciclo di chemioterapia. A rispondere a questa domanda arrivano cinque consigli dell’oncologo Giuseppe Petrella, docente di chirurgia generale dell’Università Tor Vergata di Roma, e del provider ECM 2506 Sanità in-Formazione,Leggi tutto
dragaggio spiaggia

Pubblicato il 14 maggio, 2018Da Redazione

Sabbia ed edilizia: perché le spiagge sono a rischio

Il Belpaese si prepara ormai alla stagione estiva, in attesa della mole di turisti che affolleranno le località balneari (ben 90 milioni nel solo 2017). Eppure le spiagge, risorsa data molte volte per scontata, dovranno affrontare una grave minaccia nell’immediato futuro. Se non si inverte la rotta, il ritmo con cui si estrae sabbia marina è tale da portare all’estinzione dei bagnasciuga nel giro di un secolo. Il settore edile poggia su questa risorsa, soprattutto perché la sabbia marina (a differenza di quella del deserto) può aggregarsi benissimo con ilLeggi tutto
tremiti

Pubblicato il 6 maggio, 2018Da Lucrezia Buccella

Le isole Tremiti dicono basta all’uso della plastica

Secondo uno studio del CNR di Genova sulla presenza di microplastiche nel mare le isole Tremiti si trovano tra le zone con più alta concentrazione di queste sostanze nocive. Pare che nuotare lì sia come immergersi in mezzo a 5.500 pezzi di plastica. A causa di questo danno ambientale il sindaco Antonio Fentini ha firmato un’ordinanza per eliminare la plastica dalle Isole e sostituirla con contenitori biodegradabili. Per i trasgressori ci saranno multe dai 50 ai 500 euro. «Sulle bottiglie, trattandosi di un’isola, è ancora complesso da orchestrare questo sistema: ma magari ciLeggi tutto
sacchetti di plastica

Pubblicato il 10 aprile, 2018Da Redazione

Sacchetti di plastica in mare in calo: farli pagare funziona

Una ricerca, condotta lungo le coste del Regno Unito, ha rilevato come in mare sia diminuito il numero di sacchetti di plastica. Lo studio, che ha tenuto conto del pagamento di questi ultimi e del loro abbandono nell’ambiente, ha evidenziato un calo dei sacchetti di quasi un terzo rispetto a 10 anni fa. Stando alle ragioni di questa buona notizia, sarebbe stata determinante la prassi che ha coinvolto tutta l’Europa circa il pagamento delle buste per la spesa, ma avrebbero influito anche sia le correnti marine che le dinamiche oceaniche.Leggi tutto
rifiuti di plastica oceano

Pubblicato il 16 marzo, 2018Da Lucrezia Buccella

Allarme: mare invaso dalle specie aliene artificiali

In biologia è considerata specie aliena qualsiasi specie che viene portata dall’uomo in un altro habitat diverso da quello di origine. Quando la diffusione di questa nuova specie produce impatti negativi sul nuovo habitat e sugli ecosistemi, viene chiamata specie aliena invasiva. Questa invasione è una delle più potenti perché altera silenziosamente gli ecosistemi. Ad esempio, questo problema è presente nel Mediterraneo, soprattutto dopo l’ampliamento del Canale di Suez, che ora permette alle specie del Mar Rosso di incanalarsi in queste acque. Ma oltre alle specie “aliene naturali” esistono ancheLeggi tutto