donne Tag

violenza di genere

Pubblicato il 25 novembre, 2017Da Valerio Roberto Cavallucci

Educazione al rispetto, una risposta alla violenza di genere

Questa volta tocca a un uomo il compito di chiudere il breve ciclo di approfondimenti dedicato alla violenza di genere. Prendo le mosse dall’incipit dell’articolo di Maria Pia Rana che, riferendosi agli uomini violenti, affonda le unghie nella condizione maschile dei nostri giorni: “uomini incapaci di vivere relazioni, incapaci di gestire conflitti e solitudini, incapaci di far fronte alla paura dell’abbandono”. L’aggettivo “incapace” risuona, sinistro, per ben tre volte, come il canto del gallo per l’apostolo Pietro, anche lui incapace di essere fedele. L’uomo è incapace di vivere relazioni, diLeggi tutto
alibi

Pubblicato il 23 novembre, 2017Da Milena Pennese

Nessun alibi per gli uomini violenti, basta!

Il termine femminicidio esiste in Italia solo dal 2001. Prima di questa data l’unica parola che facesse riferimento all’uccisione di una donna era uxoricidio, che alludeva al delitto della stessa in quanto moglie. Piccola conquista terminologica: abbiamo coniato un apposito neologismo per dare nome a quello che ormai è un dramma devastante. Molto bene, ora abbiamo una parola più corretta a nostra disposizione per descrivere la punta dell’iceberg del vero problema che invece si nasconde sotto: la violenza sulle donne. Non è una battaglia terminologica, la mia. È che sonoLeggi tutto
Donne in carriera

Pubblicato il 21 novembre, 2017Da Milena D'Aquila

Donne in carriera: situazione nelle banche

Oggi affrontiamo sotto un’altra prospettiva i problemi legati al genere soffermandoci sul divario esistente all’interno degli istituti di credito italiani tra le possibilità che ha una donna di far carriera rispetto al collega maschio. La ricerca di First Cisl, concentratasi sui primi cinque istituti nazionali (Intesa Sanpaolo, Unicredit, Monte dei Paschi, Banco Bpm, Ubi), evidenzia come in banca il numero delle donne sia in aumento, il 47% del totale. Peccato che a questa crescita di quote rosa non si accompagni, a parità di posizione, né uno stipendio equivalente rispetto aLeggi tutto
Diamo voce alle vittime di violenza di genere

Pubblicato il 19 novembre, 2017Da Veronica de Meo

Diamo voce alle vittime di violenza di genere

Come un vaso di Pandora ultimamente stanno uscendo allo scoperto, da Hollywood all’Italia, sempre più casi di cronaca di violenza contro donne note del mondo dello spettacolo. Ma quello su cui noi dovremmo soffermarci non sono i singoli avvenimenti, i personaggi famosi, i retroscena, le polemiche insensate ma l’esemplare coraggio che finalmente hanno trovato queste donne che hanno deciso di non rimanere più nell’ombra, di liberarsi da un grosso peso, di denunciare il loro carnefice e di gridarlo a voce alta davanti ai riflettori della stampa di ogni parte delLeggi tutto
violenza donne

Pubblicato il 17 novembre, 2017Da Milena D'Aquila

Virilità mutilata: quando l’unica soluzione è picchiarla

E se succedesse anche a me? Solo l’ipotesi mi fa attorcigliare le budella, eppure, da quanto emerge attraverso i dati Istat, che una donna sia oggetto d’attenzione morbosa da parte di un uomo fino al punto d’essere stalkerizzata, picchiata, abusata e uccisa è un evento così comune da diventare episodio quotidiano di ordinaria follia. D’altra parte non occorre riportare alla memoria le migliaia di notizie a riguardo divulgate dai canali d’informazione: ne risulterebbe un necrologio di proporzioni enormi. Anche l’infelice neologismo “femminicidio”, coniato apposta per designare casi di uccisione diLeggi tutto
freccia vignetta

Pubblicato il 15 novembre, 2017Da Antonella Luccitti

Violenza sulle donne: parliamone sempre!

Non sono qui per denunciare una violenza subita. Forse perché l’ho già fatto in passato, forse perché non ho ancora trovato il coraggio per farlo, o forse perché quel coraggio non lo troverò mai, o semplicemente perché sono tra le poche fortunate che non hanno mai subito una violenza, né domestica né compiuta da estranei. Sono qui, però, per parlare di violenza di genere perché in quanto donna mi sento offesa, ferita, violentata e uccisa per ogni donna che è stata offesa, ferita, violentata o uccisa. Colgo, dunque, l’occasione diLeggi tutto
therasak Saksritawee

Pubblicato il 15 novembre, 2017Da Redazione

Foto di Therasak Saksritawee

ikea violenza

Pubblicato il 13 novembre, 2017Da Redazione

Nei negozi Ikea va in scena la violenza domestica

In occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne che si celebrerà il prossimo 25 novembre, Telefono Donna, Associazione di volontariato che da 25 anni supporta le donne vittime di maltrattamenti, e Ikea Italia lanciano una campagna di sensibilizzazione nazionale contro la violenza domestica. #PerUnaGiustaCasa è il filo conduttore della campagna che ha l’obiettivo di puntare i riflettori dell’opinione pubblica sul tema della violenza in casa e sull’urgenza di attivare progetti che offrano garanzie e tutela alle donne e ai figli. Da oggi al 25 novembre, infatti,Leggi tutto
Fame zero
Servono «modelli più democratici, inclusivi e sostenibili» per centrare l’obiettivo Fame zero, all’interno dell’Agenda 2030 secondo ActionAid. In particolare, secondo la ong è necessario che intervenga un «cambio di paradigma del sistema di produzione e distribuzione alimentare» per provare a contrastare un problema divenuto sempre più pressante come quello della fame nel mondo. Il punto, secondo ActionAid, è che in un mondo che vede una persona su tre malnutrita e un seguito di affamati passati da 777 milioni nel 2015 a 815 milioni nel 2016, “Fame zero” che ha l’ambiziosoLeggi tutto
assorbenti

Pubblicato il 3 novembre, 2017Da Milena D'Aquila

Le mestruazioni non si tassano: petizione al ministro Padoan

Per noi donne è inevitabile. Almeno una volta nella vita ce lo siamo chieste: ma perché gli assorbenti costano così tanto? E’ colpa nostra se le nostre ovaie funzionano? A quanto pare, almeno in Italia, la risposta sembrerebbe essere, rullo di tamburi, sì. Già perché da noi gli assorbenti non vengono considerati beni essenziali al pari di pane, pasta, riso, quotidiani e protesi dentarie, tutti giustamente tassati al 4%, ma i nostri cari, questa volta in tutti i sensi, assorbenti sono tassati al 22%, come uno smart-phone e un tablet.Leggi tutto