donne Tag

cantastorie kabul

Pubblicato il 21 settembre, 2017Da Redazione

Le ragazze di Kabul studiano per diventare cantastorie

Ben 3000 euro in appena 7 giorni. Un risultato straordinario quello ottenuto dalla campagna di crowdfunding  Le Cantastorie di Kabul promossa dalla Qessa Academy della città afgana sulla piattaforma Eppela. “Qessa” significa “storie” in lingua Dari e l’Academy è stata lanciata nel 2013 a Kabul per ridare vitalità e splendore all’antica arte dello storytelling afgano. Il merito è di Selene Biffi, 35 anni, innovatrice e imprenditrice sociale che, attraverso la Plain Ink Onlus, ha dato vita a questo un progetto di innovazione sociale. Per la sua attività, Biffi ha vinto il Mother Teresa Award, prestigioso riconoscimentoLeggi tutto
conferenza-internazione-sviluppo

Pubblicato il 13 settembre, 2017Da Redazione

In Egitto si tiene la terza Conferenza su Popolazione e Sviluppo

13 settembre 1994 –  In Egitto, a Il Cairo, si tiene la terza Conferenza Internazionale su Popolazione e Sviluppo e l’organizzazione viene affidata al Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione (UNFPA). I 179 Paesi aderenti alla Conferenza concordano su tematiche di fondamentale importanza: la correlazione tra sviluppo e popolazione, l’empowerment delle donne in ogni parte del Pianeta, un impegno costante per rispondere al bisogno di istruzione e a quello della salute (compresa quella riproduttiva). Nell’ambito della Conferenza viene pertanto stabilito che sono questi i primi e fondamentali strumenti perLeggi tutto
mae-jemison

Pubblicato il 12 settembre, 2017Da Redazione

Mae Jemison è la prima donna afroamericana ad andare nello Spazio

12 settembre 1992 –  Mae Jeminson diventa la prima donna astronauta afroamericana ad andare nello Spazio, protagonista della missione dello Shuttle Endeavour. Durante la missione riesce a realizzare il suo sogno: vedere Chicago da così in alto, proprio come aveva desiderato quando era piccola. Nello shuttle porta con sé un poster della Alvin Ailey American Dance, perché era convinta che esistesse una forte correlazione tra scienza e danza. Negli anni a seguire, e ancora oggi, sfruttando la fama che le deriva dall’esser stata la prima astronauta afroamericana, Mae Jemison partecipaLeggi tutto
Medici Senza Frontiere
«I governi europei alimentano il business della sofferenza in Libia». Questa la dura accusa dell’ong Medici senza frontiere e contenuta in una lettera firmata Joanne Liu e Loris De Filippi, presidente di Msf Italia, inviata ai capi di Stato europei, tra cui anche Paolo Gentiloni, sul piano migranti dell’Ue e dell’Italia. «Il dramma che migranti e rifugiati stanno vivendo in Libia dovrebbe scioccare la coscienza collettiva dei cittadini e dei leader dell`Europa – si legge nella lettera – accecati dall’obiettivo di tenere le persone fuori dall’Europa, le politiche e iLeggi tutto
discriminazione
3 settembre 1981 – La Convenzione, adottata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite il 19 dicembre 1979, rappresenta una svolta storica per quanto riguarda la conquista dei diritti delle donne, legati in prima istanza all’eliminazione di qualsiasi forma di discriminazione. Ratificata da 188 Stati, Italia compresa, la Convenzione vincola i governi ad adeguare la propria legislazione nazionale in direzione della parità di genere in tutti i settori e a eliminare ogni discriminazione praticata da “persone, enti e organizzazioni di ogni tipo”. Un’apposita commissione, denominata Commissione CEDAW, esamina ogni 4 anni iLeggi tutto
Lombardia
La Camera di Commercio di Milano ha eseguito uno studio sui dati Istat 2015 e 2016 e sul registro delle imprese al primo trimestre 2016 e 2017 ed è emerso che la Lombardia ha la più forte propensione ad aiutare il prossimo. “Milàn l’è on grand Milàn”, cantava Giovanni D’Anzi e i milanesi e i lombardi tutti ci tengono a tenere fede a quanto si diceva e si dice. Ecco quindi alcuni numeri in dettaglio: il 14% dei lombardi è impegnato in attività di volontariato gratuite, contro la media dell’11%Leggi tutto
Karolin Klüppel

Pubblicato il 27 agosto, 2017Da Redazione

Foto di Karolin Klüppel

donne
Fino a qualche anno fa moltissimi stupratori in Giordania riuscivano a farla franca ed evitare quindi condanne grazie all’esistenza, nella Costituzione, dell’articolo 308 che permetteva di evitare il processo se sposavano la vittima. Finora, abbiamo detto. La buona notizia è che presto non potranno più ricorrere a questo escamotage perché è stata presentata una nuova legge che, dopo l’approvazione in Camera, sarà controfirmata dal Re Abdullah. L’esito appare, per fortuna, scontato. A meno di virate clamorose, l’articolo 308 non potrà più essere utilizzato come alibi per commettere violenze sulle donneLeggi tutto
Tunisia

Pubblicato il 29 luglio, 2017Da Patrizia Abello

Tunisia: approvata la legge contro la violenza sulle donne

Quello che è accaduto in Tunisia pochi giorni fa è un passo storico: il parlamento ha approvato una legge contro la violenza e i maltrattamenti sulle donne e per la parità di genere. La legge ha avuto un iter lungo e pieno di ostacoli, rinvii e odore di fallimento e di chiusura; invece a sorpresa il parlamento tunisino – composto per il 34% da donne – l’ha approvata all’unanimità con 146 voti a favore. La nuova legge è composta da 43 articoli divisi in 5 capitoli e sono costituiti daLeggi tutto
No estoy sola
Il suo nome è No estoy sola (Non solo sola) ed è un’applicazione molto semplice che potrebbe dare una grossa mano a salvare la vita di moltissime donne in Messico. L’idea viene da Ciudad Juarez, di fatto una delle città tra le più pericolose al mondo, ed è rivolta principalmente alle donne che molto spesso si trovano in situazioni drammatiche a causa di uomini violenti, costrette a fronteggiare aggressioni che possono degenerare fino all’assassinio. Il suo funzionamento è semplicissimo: schiacciando un pulsante predefinito o semplicemente agitando il telefono, No estoyLeggi tutto