Portale di economia civile e Terzo Settore

Cercare lavoro: da ricerca passiva a ricerca attiva

215

La ricerca del lavoro è di per sé un vero e proprio lavoro, e c’è una grossa differenza tra ricerca attiva e ricerca passiva.

Se sei disoccupato, e magari stai cercando lavoro da mesi, è normale che tu possa essere scoraggiato. Ma ti sei mai chiesto se effettivamente stai facendo bene il tuo lavoro di ricerca? Oppure ti limiti a lamentarti perché nessuno ti chiama?

Facciamo un esempio:
– hai scritto il Curriculum copiando un facsimile online;
– ti sei iscritto a svariati siti di ricerca di lavoro inserendo il cv;
– hai inviato il mio curriculum a qualche azienda e hai letto e risposto a decine di annunci pubblicati su siti e giornali;
– ti sei iscritto al centro per l’impiego e alle agenzie per il lavoro;
– aspetti che qualcuno ti chiami.

Ecco, hai seguito tutti o parte di questi passaggi e sei scoraggiato perché nessuno ti ha chiamato per un colloquio. Bene, ti sei chiesto se quello che hai fatto è sufficiente per trovare lavoro?

La risposta può sembrarti scioccante, ma è NO! Non lo hai fatto.

Quello che hai fatto rientra nella cosiddetta RICERCA PASSIVA DEL LAVORO, che vuol dire “soffrire l’azione”, non agire veramente. Inviare sempre lo stesso CV standard a tutti gli annunci che trovi (e solo agli annunci), pensare che qualsiasi opportunità di lavoro possa andarti bene, purché ti permetta di guadagnare qualcosa, limitarti a pensare che quello che ti è venuto intuitivamente in mente possa essere l’unico lavoro da cercare, non è assolutamente sufficiente.

Cosa puoi fare allora per migliorare la tua ricerca? Intanto capire cosa vuol dire ricerca attiva del lavoro.
Partiamo da un dato: solo il 20% delle offerte di lavoro è visibile, il resto è sommerso. La maggior parte degli imprenditori (circa l’80%) ha aziende di piccole dimensioni e per la ricerca di personale si affida soprattutto alla propria rete di contatti.

Ricerca attiva de lavoro vuol dire quindi osservare, muovere, operare, aumentare l’efficacia, produrre effetti; vuol dire che bisogna darsi da fare, che bisogna cambiare il proprio mindset (mentalità), sfruttare al meglio il proprio tempo e cercare gli strumenti adatti per raggiungere il proprio obiettivo. Lo so, facile a dirsi, ma non così facile a farsi. Ma se non inizi mai, se continui a fare quello che hai sempre fatto, non cambierà mai nulla! Inizia e abbi pazienza, i risulti arriveranno. Puoi anche farti aiutare, noi siamo qui proprio per questo!

La ricerca attiva del lavoro si divide in due fasi, tra loro interconnesse:
– Preparazione e raccolta delle informazioni;
– Strategia di candidatura.

Ricerca attiva vuol dire conoscere profondamente se stessi e il mondo che ci circonda, quindi è fondamentale RICERCARE E ACQUISIRE INFORMAZIONI. Può sembrare una perdita di tempo, perché questa attività non porta a risultati concreti nell’immediato, ma è la base per ottenere realmente i risultati sperati!
Una volta ottenute tutte le informazioni che ti servono, costruisci il tuo brand (immagina di essere un prodotto) e promuoviti.

Segui questi 8 step e prova a promuovere efficacemente te stesso:

  1. Autovaluta le tue competenze, capacità e interessi. Cosa sai fare? Quali sono state le tue esperienze professionali, personali? Cosa ti piace fare o cosa ti piacerebbe fare? In cosa riesci meglio? Come potresti migliorare le tue capacità e conoscenze?
  2. Definisci il tuo obiettivo professionale. Ricerca e acquisisci informazioni per conoscere le professioni che potrebbero interessarti, i tuoi settori di interesse. Qual è il lavoro che vorresti fare? capire cosa ti farebbe alzare la mattina con un sorriso? Non avere fretta, dedica alcune ore del giorno a queste riflessioni e considera questo tempo non come tempo perso ma come un investimento. Online trovi molti siti ricchi di informazioni; ad esempio l’atlante delle professioni  o l’atlante lavoro. Inoltre, è molto importante che tu creda in stesso. Fidati, hai dentro di te tutto ciò che ti serve per avere il tuo successo, devi solo farlo uscire fuori.
  3. Fai indagini di mercato del lavoro di riferimento. Ancorati alla realtà e cerca di capire quale parte del tuo progetto è realizzabile e quale può rimanere un hobby. Ricerca e acquisisci informazioni sull’attuale mercato del lavoro e il suo andamento.
  4. Organizza spazi, tempi e strumenti per la ricerca. Crea un piano d’azione dettagliato, rifletti su cosa devi fare, quali criticità puoi incontrare, quanto tempo è necessario per ogni azione (ad esempio stabilire un tot di ore al giorno per cercare informazioni, seguire un corso di formazione per migliorare le tue competenze, cercare un lavoro part time che puoi facilmente svolgere mentre cerchi il lavoro che vuoi veramente). Datti delle scadenze, altrimenti le settimane passeranno senza che te ne accorgi.
  5. Elabora gli strumenti per la ricerca e cura la comunicazione. Prepara curricula, lettere, mail, colloqui di network e selezione Social network, blog, forum, biglietto da visita. Preparati al colloquio di selezione, alle chiacchierate di network, alla gestione delle criticità personali. Cura i tuoi social: al giorno d’oggi non avere un profilo (ben curato) è un handicap grave. Se non ce l’hai, apri un profilo su linkedin e dedici del tempo; lo troverai molto utile. Personalizza il curriculum e le lettere in base al posto in cui lo mandi. Non limitarti ad un cv standard in formato europeo. Prepara un cv per ogni candidatura, che sia in infografica, videocv, presentazioni audio/video, ecc.
  6. Crea e costruisci un tuo network professionale. Famiglia, parenti, amici, conoscenti, colleghi, insegnanti, professori, membri di associazioni e organizzazioni, professionisti del settore, (ma anche il dottore, il barista, il parrucchiere…). A COSA SERVE? Ad aumentare i contatti, ad incontrare persone che svolgono il lavoro che ti interessa, a farsi conoscere, ottenere info su aziende e professioni, a pubblicizzare il tuo obiettivo professionale, a scoprire opportunità nascoste, scoprire settori di nicchia. CAMBIA APPROCCIO: da cerco (chiedo) lavoro a OFFRO SOLUZIONI CON COMPETENZA, AFFIDABILITA’ E FIDUCIA.
  7. Cerca e studia le aziende definendo quelle bersaglio. Se vuoi proporti ad un’azienda, devi conoscerla in modo approfondito, sapere bene cosa fa, come lo fa, com’è organizzata, di cosa ha bisogno, chi sono i proprietari, i dipendenti, ecc. Devi veramente capire se è l’ambiente adatto a te e che valore aggiunto potresti portare all’interno.
  8. Candidati e tieni traccia su un file di tutte le azioni che hai compiuto (aziende contattate, risposte ricevute, incontri fatti, ecc.).Vedrai che il tempo investito sarà ben speso.

Nei prossimi video che pubblicherò, e che continuerai a trovare sulla pagina facebook “cittadellinfanziapescara“ e sul portale felicità pubblica, parlerò più nel dettaglio degli step di seguire: bilancio delle tue competenze, definizione dell’obiettivo professionale, creazione di un piano d’azione, cura della propria immagine, ecc.; ti fornirò anche alcuni strumenti da utilizzare.
Ma se ti senti già pronto e non vuoi aspettare, puoi scrivermi a [email protected]) e potremo subito incontrarci.

Cosa posso fare per te?
Lo sportello di orientamento al lavoro della cittadella è nato proprio per supportarti nella ricerca attiva del lavoro.
Puoi richiedere uno o più incontri per:
– un colloquio di orientamento se non hai le idee chiare sul tuo futuro professionale;
– definire il tuo obiettivo professionale ed effettuare una scelta sul tuo progetto professionale;
– preparare un curriculum personalizzato in base alle tue esigenze e una lettera motivazionale;
– preparazione al colloquio di lavoro con simulazioni;
– aiuto per la ricerca di lavoro (come e dove cercare);
– migliorare il tuo personal branding e la comunicazione.

Ti forniremo supporto e gli strumenti più adeguati, per facilitare il tuo percorso e arrivare più facilmente al tuo obiettivo.

Scrivici ([email protected]) lasciando i tuoi recapiti e descrivendo le tue necessità, e sarai subito ricontattato. Ti ricordo che i servizi dello sportello sono completamente gratuiti.

Per conoscere nel dettaglio i servizi offerti dallo sportello orientamento al lavoro della cittadella dell’infanzia, puoi guardare il video a questo link: https://www.youtube.com/watch?v=Nbnlprbgbyw&t=50s

Troverai anche video di supporto per progetti di autoimprenditorialità.

Ah, se hai trovato utile il contenuto, metti mi piace, segui la pagina facebook cittadellinfanziapescara, e condividi il video. Aiuterai altre persone a trovare un supporto e a superare le loro difficoltà nella ricerca di un lavoro.

A presto, ti auguro il meglio!

Agatha Christie e la passione per i viaggi
I Talebani predicano bene ma razzolano molto male

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...