Portale di economia civile e Terzo Settore

Iniziate le Paralimpiadi di Tokyo

36

Dopo il successo tutto italiano delle Olimpiadi, si accendono i riflettori sulle Paralimpiadi. Martedì 24 agosto, nello Stadio nazionale di Tokyo, si è tenuta la cerimonia inaugurale della XVI edizione a cui parteciperanno circa 4mila atlete e atleti provenienti da ben 163 Paesi.

La manifestazione durerà fino al 5 settembre e comprenderà 540 gare di 22 sport diversi. Così come i Giochi Olimpici, anche le Paralimpiadi si disputeranno senza pubblico a causa della pandemia da Covid-19.

Durante queste Paralimpiadi, le nostre atlete e i nostri atleti saranno impegnati in 15 discipline: atletica, canoa, canottaggio, ciclismo, equitazione, judo, nuoto, scherma, sitting volley, sollevamento pesi, taekwondo, tennistavolo, tiro a segno, tiro con l’arco e triathlon.

L’Italia presenta la sua delegazione più numerosa di sempre: 115 atlete e atleti, tra cui 69 esordienti. I portabandiera italiani durante la cerimonia di apertura sono stati la schermitrice Beatrice “Bebe” Vio, medaglia d’oro nel fioretto individuale a Rio 2016, e Federico Morlacchi, oro nel nuoto sempre a Rio.

È la prima volta che il numero delle donne della delegazione italiana supera quello degli uomini: 63 a 52. L’atleta più giovane è Matteo Parenzan, che ha appena compiuto 18 anni e parteciperà alle gare di tennistavolo; l’atleta con più esperienza è invece Francesca Porcellato, cinquantenne che gareggerà nel paraciclismo in quella che sarà la sua undicesima Paralimpiade.

L’istituzione delle Paralimpiadi si deve a Ludwig Guttman, neurologo tedesco naturalizzato polacco che fuggì nel Regno Unito nel periodo della Seconda guerra mondiale (dove iniziò a proporre ai pazienti lo sport come terapia sia fisica che psicologica) e che nel luglio del 1948, in concomitanza con le Olimpiadi di Londra, organizzò i Giochi di Mandeville, antesignani delle Paralimpiadi.

Nel 1958 il medico italiano Antonio Maglio, direttore del centro paraplegici dell’Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro, propose di disputare l’edizione del 1960 a Roma, che nello stesso anno avrebbe ospitato la XVII Olimpiade. I Giochi si disputarono dal 18 al 25 settembre, con la presenza di 400 atleti in rappresentanza di 23 Paesi. L’edizione di Roma segnò l’avvio del percorso che avrebbe condotto alla nascita delle Paralimpiadi nella forma in cui la conosciamo oggi.

Le gare si potranno seguire su Rai2 e Raisport+HD o in streaming su RaiPlay, e in caso di eventi in contemporanea anche sul canale 58 del digitale terrestre, Raisport SD.

A 11 anni percorre più di 300 chilometri in difesa del clima: lui è Jude Walker
Perché l’OMS è contraria al terzo vaccino

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...