Portale di economia civile e Terzo Settore

Basta una pianta per combattere l’inquinamento?

5

Un nuovo studio britannico ha scoperto che l’arbusto Cotoneaster franchetii è la pianta che riesce meglio a pulire l’aria dall’inquinamento assorbendo le emissioni di smog.

Il cotognastro è un arbusto comune composto da foglie pelose. Lo studio della Royal Horticultural Society (RHS) ha scoperto che questa pianta aiuta a rafforzare l’ambiente e a migliorare la salute degli esseri viventi perché è in grado di intrappolare le particelle nocive dovute all’inquinamento, il 20% in più rispetto ad altre piante.

Sono numerose le piante che aiutano ad alleviare diversi problemi ambientali. La RHS identifica continuamente nuove piante che forniscono benefici all’ambiente. Infatti, oltre al cotognastro, l’RHS individua l’edera, utile per riscaldare gli edifici, e il biancospino per alleviare le intense piogge estive e quindi ridurre le inondazioni localizzate.

Queste piante benefiche, se coltivate in campi spazi nei pressi di luoghi con problemi ambientali, potrebbero contribuire notevolmente al miglioramento dell’ecosistema.

Madre natura ci offre sempre la soluzione.

Asinelli contro la mafia
Lettera aperta al Presidente Draghi sui vaccini anti-Covid

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...