Portale di economia civile e Terzo Settore

Ecco come l’acqua del mare potrebbe diventare potabile

14

Un nuovo processo potrebbe portare l’acqua marina ad essere più economica e più potabile.

Il processo per osmosi inversa viene utilizzato ormai da circa 40 anni per rimuovere il sale e altre componenti nocive dall’acqua del mare per essere utilizzata poi nell’agricoltura, gli allevamenti e le industrie.

Un team di ricercatori dell’Università del Texas e della Penn University, ha fatto una recente scoperta che apre le strade a un nuovo processo per i ridurre i costi a vantaggio delle popolazioni che soffrono per la carenza d’acqua.

Fino ad oggi alcuni meccanismi dell’iperfiltrazione, sinonimo di osmosi inversa, non erano ancora del tutto chiari agli scienziati che non riuscivano a spiegarsi il diverso comportamento dell’acqua in diversi punti del sistema di filtraggio.

Lo studio ha individuato il segreto di una filtrazione efficiente: tutto dipende dal materiale utilizzato per costruire la membrana di filtraggio. Se il filtro è perfettamente regolare in scala nanometrica, è in grado di purificare una quantità maggiore di acqua con un consistente vantaggio sui costi per litro d’acqua potabile.

Il team di ricercatori ha costruito un modello 3D della struttura della membrana osmotica. Questa ha permesso di definire la struttura ideale del materiale da utilizzare. Un filtro perfetto in scala nanometrica consentirebbe di risparmiare il 40% dell’energia necessaria a rendere potabile l’acqua in modo da ridurre i costi e disporre maggiormente di questo bene essenziale.

 

 

Luca Attanasio: in ricordo di un giovane ambasciatore italiano
Daft Punk 1993-2021: epilogo

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...