Portale di economia civile e Terzo Settore

Maggio 2020, il mese più caldo nel mondo

47

Nel corso del mese di maggio da poco finito, la temperatura – a livello mondiale – è risultata la più elevata rispetto alla media dei mesi di maggio con riferimento al trentennio dal 1981 al 2010, registrando un aumento medio di 0,63 gradi centigradi.

Il dato è stato rivelato dal servizio di monitoraggio europeo Copernicus che ha spiegato come quindi il mese di maggio di quest’anno sia da considerarsi il più caldo in assoluto.

In particolare, in alcune aree del nostro pianeta, le temperature rilevate hanno registrato anomalie estreme. Per esempio in Siberia – una delle regioni più fredde del Globo – recentemente la temperatura è stata di circa 10 gradi superiore alla media; in effetti, nella parte occidentale del territorio, ha provocato la più precoce rottura stagionale dei ghiacci sui fiumi Ob ed Enisej.

In generale, però, la stagione primaverile sino ad ora è risultata essere più mite su gran parte della regione artica, compresa l’Alaska occidentale. Purtroppo anche l’Antartide ha fatto registrare temperature di caldo eccezionale, raggiungendo quasi 21 gradi centigradi nel mese di marzo scorso, picco che fa prevedere impatti biologici per i prossimi anni e, purtroppo, questi danni – per l’ecosistema polare – potrebbero essere irreversibili.

In Europa il mese di maggio ha fatto registrare temperature più basse rispetto alla media, ma con una netta divisione geografica, come ha rilevato Copernicus. Infatti, le analisi meteorologiche (generate da modelli di previsione che utilizzano misurazioni provenienti da satelliti, navi, aerei e stazioni meteo in tutto il mondo) hanno evidenziato che in Europa temperature superiori alla media si sono avute nella maggior parte delle aree sud-occidentali e nord-orientali, ma al di sotto della media nella regione che si estende dalla Scandinavia ai Balcani fino alla costa settentrionale del Mar Nero.

Quindi risulta assolutamente evidente che è necessario agire con urgenza sulle emissioni di gas a effetto serra, principali responsabili del riscaldamento globale. Soprattutto in questo momento di ripartenza dopo il lockdown per la pandemia da CoVid19, sarà indispensabile rilanciare l’economia scegliendo la strada della sostenibilità ambientale e climatica.

Migranti: report sulla frontiera in Costa Azzurra
Pandemia, i contagi in alcuni Paesi del mondo

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...