Portale di economia civile e Terzo Settore

OMS a rischio: Donald Trump vuole sospendere i finanziamenti

16

Martedì 14 aprile, proprio mentre il mondo intero era in allarme e costretto a chiusure forzate per la pandemia da Coronavirus, il presidente U.S.A. Donald Trump ha annunciato in una conferenza stampa di voler sospendere i finanziamenti all’Organizzazione Mondiale della Sanità, OMS.

Infatti, Trump ha esplicitamente accusato l’Organizzazione di cattiva gestione, di aver nascosto la reale diffusione del virus e di nutrire pertanto profonde preoccupazioni su come sia stata investita la generosità americana; in effetti, sono proprio gli U.S.A. i principali sostenitori dell’Agenzia, che è espressione delle Nazioni Unite, erogando circa 400 milioni di dollari all’anno.

In realtà, numerose attestazioni riferiscono di come lo stesso Trump sia stato informato sin da gennaio sulla pericolosità del nuovo virus: infatti la Cina aveva informato l’OMS il 31 dicembre dello scorso anno di aver rinvenuto un focolaio di polmonite inspiegabile e l’agenzia, dopo una breve indagine, lo ha riferito sui social media il 4 gennaio, come riportato dalla rivista Science.

Una decisione, quella annunciata da Trump, che ha suscitato reazioni in tutto il mondo. Sempre secondo Science, David Sridhar – esperto di salute globale dell’Università di Edimburgo – ha affermato:  «Questa è una decisione miope che sarà disastrosa per l’agenzia. Abbiamo più che mai bisogno dell’organizzazione OMS di sostenere tutti i Paesi, in particolare quelli a basso e medio reddito».

Il giorno successivo all’annuncio del presidente U.S.A., il direttore generale dell’agenzia OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha anzitutto esortato i leader mondiali a non politicizzare la pandemia in corso, e poi ha serenamente ribadito  a Trump che gli Stati Uniti sono stati negli anni amici generosi per l’Organizzazione, auspicando di  continuare ad esserlo.

Per la verità, la Casa Bianca può ritardare il versamento di denaro già approvato dal Congresso per un preciso scopo, ma non può cancellare completamente i fondi né destinarli ad altro scopo senza una delibera del Congresso stesso. Donald Trump non solo non ha ancora rivisto la sua posizione, ma ha anche minacciato di creare un organismo alternativo, insieme ad altri Paesi, se l’ organizzazione OMS non verrà riformata.

Qualora all’annuncio del presidente americano dovessero seguire i fatti, sarà probabilmente perché Trump ha cercato e trovato un capro espiatorio per la propria inadeguata risposta alla diffusione sul suolo americano del CoVid 19. Ma c’è molto di più perché frattanto sono iniziati i primi “voli della solidarietà” (aerei carichi di medicinali e dispositivi di sicurezza) per aiutare i Paesi africani a far fronte alla pandemia.

Se ci saranno dei ritardi nelle consegne, sapremo di chi sarà la responsabilità.

A proposito di Morgana
Nati tre falchi pellegrini a Milano

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...