Portale di economia civile e Terzo Settore

Decreti sicurezza: secondo Amnesty vanno modificati

32

È nuovamente Amnesty International (ma anche per esempio molti avvocati e organizzazioni della società civile) che punta il dito contro i due Decreti sicurezza in vigore (n. 113 del 2018 e Decreto bis 53 e successiva Legge 77 del 2019 di cui avevamo parlato in questo articolo e anche in questo editoriale)  dichiarando che hanno generato una situazione d’instabilità che sta vanificando e cancellando ogni possibilità di un percorso d’inclusione sostenibile per i migranti. È anche stato approntato un documento da Marco Omizzolo, intitolato “I sommersi dell’accoglienza” che è possibile leggere integralmente qui.

Senza mezzi termini, riporta la nota associazione sul suo sito: «I Decreti sicurezza hanno peggiorato     il sistema di accoglienza in Italia e stanno generando ghettizzazione e povertà, sia economica sia sociale. Una situazione da non sottovalutare perché sta provocando l’aumento di vittime dello sfruttamento lavorativo e delle attività criminali, come dimostrano i processi aperti».

E in effetti chi oggi chiede asilo è esposto a emarginazione sociale e il passo per finire nella rete della criminalità è breve.

Ma non solo poiché, con il taglio di fondi per i piccoli e grandi centri dedicati alla prima accoglienza, i servizi per l’inclusione diventano spese insostenibili, dal momento che i nuovi bandi non prevedono più l’insegnamento della lingua italiana, il supporto per la richiesta di asilo, per la formazione professionale e la concreta gestione del tempo libero. Va da sé che anche l’assistenza sanitaria alla persona viene fortemente ridimensionata, con conseguente crollo delle prestazioni erogate e del personale deputato al loro svolgimento.

Con i Decreti sicurezza è stata anche abolita la protezione umanitaria, sostituita con cinque nuovi tipi di permesso di soggiorno e quindi numerose persone, che in precedenza sarebbero state regolari, si trovano improvvisamente in condizione di illegalità e a rischio espulsione.

Ecco quindi che Amnesty si appella direttamente al Governo chiedendo di applicare modifiche urgenti alle normative vigenti in materia e nello specifico indica sul proprio sito:

  • assicurare a tutte le persone che entrano in Italia l’esercizio reale del diritto fondamentale a chiedere protezione ed accoglienza;
  • adottare misure per impedire ai beneficiari di protezione umanitaria di perdere il proprio status per evitare che precipitino in condizioni di marginalità e sfruttamento e divenire così preda di organizzazioni criminali. Allo stesso tempo si deve garantire la regolarizzazione per coloro che sono finiti in condizioni di illegalità per via degli effetti del cosiddetto Decreto sicurezza;
  • consentire la registrazione anagrafica anche ai richiedenti asilo. Una misura determinante per garantire i diritti umani dei migranti;
  • ristabilire servizi professionali nell’ambito del processo di accoglienza allo scopo di fornire percorsi di inclusione sociale ed economica reali e qualificati a tutti i richiedenti asilo e beneficiari.

A margine della lettera delle Sardine al presidente Conte
Scala di Milano: il 4 febbraio concerto per i bambini di Haiti

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...