Portale di economia civile e Terzo Settore

Ieri e domani, 27 gennaio

33

Ecco di nuovo il 27 gennaio e quanti si occupano di storia, di memoria e di società civile sono impegnati a parlare di quel che è stato, nella speranza che non si ripeta. È un lavoro importante, che vede storici, insegnanti, giornalisti, associazioni e sopravvissuti ai campi di sterminio moltiplicare freneticamente gli sforzi e interfacciarsi con le istituzioni e con le scuole, che viene svolto ponendosi la domanda di come utilizzare nel presente la memoria del passato.

Mentre nei giorni scorsi ci si preparava a parlare della Shoah che fu, tuttavia, il Paese sembrava precipitare velocemente verso la Shoah che sarà. La convinzione granitica che le situazioni del secolo scorso siano definitivamente concluse,  che non possano più riproporsi, supera l’esperienza quotidiana, il numero impressionante di orrendi atti di discriminazione e violenza e la spaventosa propagazione del razzismo e dell’omofobia attraverso i nuovi e i vecchi media.

È irrilevante mettersi a pensare a quali categorie, quali minoranze, toccherà la persecuzione, persino oggi 27 gennaio, perché saremo tutti coinvolti comunque. La persecuzione di una minoranza qualsiasi sdogana la persecuzione di tutte le altre e mette quindi in pericolo la totalità dei cittadini, ognuno diverso a modo suo e quindi minoritario in uno o più aspetti. In questa nuova era di violenza nazifascista siamo entrati già da tempo, in realtà, anche se abbiamo messo la testa sotto la sabbia per non vedere e non sentire. Quando il leghista e nazifascista Traini ha imbracciato un’arma e si è messo a sparare a Macerata contro chi aveva una pelle più scura della sua, facendo seguire i fatti all’ondata razzista di parole che imperversava e imperversa sui media, doveva essere chiaro a tutti.

Oggi si minacciano le persone con scritte sulle porte, si danno in pasto all’opinione pubblica ragazzi d’origine straniera accusati – dalla vicina, non dalla polizia – di spacciare droga, si sputa sui ragazzi che sembrano provenire da altri paesi sui treni, si picchiano gli omosessuali.

Il tutto impunemente,

Il fascismo è qui, oggi. Non bussa alla tua porta, ti suona il citofono con una truppa di giornalisti embedded al seguito, chiedendo di provare che sei innocente anche se vieni dalla Tunisia.

E come accadde circa 100 anni fa, così anche oggi, 27 gennaio 2020, non si vuole vedere quello che è evidente: l’orrore di un presente in cui la folla giudica i diversi, lo squadrismo che si affaccia, la diffidenza verso chi non è conforme che si tramutano rapidamente in sete di sangue.

E l’uomo comune, che non è fascista, segue la folla, perché uno zingaro ha rubato una volta al cugino del portiere di sua zia o perché ha paura che le ONG sbarchino sulle nostre coste 500 milioni di Africani, 50 alla volta, perché non ha fiducia nelle istituzioni (e ha pure le sue ragioni in questo) e vuole che qualcuno sistemi le cose, chiunque esso sia. Lo stato di diritto non c’è più, è la folla che decide… quella finta di Twitter, pagata in Russia o nell’Europa dell’Est pochi centesimi a like e retweet… e quella vera che cresce a forza di vedere l’impunità di cui godono oggi i nuovi fascisti e di annusare l’aria che tira, quella di una nuova era di guerra e persecuzione.

I muri della gentilezza: ecco che cosa sono
Unicef: tra i giovani poveri una bambina su tre non è mai andata a scuola

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...