Portale di economia civile e Terzo Settore

Lo dice anche la scienza: no alle persone invadenti

101

Ora anche la scienza riconosce lo stress causato dalle persone invadenti. Infatti, ricerche recenti condotte dal Dipartimento di Psicologia biologica e clinica dell’Università Friedrich Schiller, in Germania, hanno rivelato che l’esposizione a stimoli che causano forti emozioni negative – lo stesso tipo di esposizione cui si è soggetti quando si ha a che fare con persone difficili e invadenti –  innesca una potente reazione allo stress nel cervello dei partecipanti all’esperimento. Che si tratti di negatività, crudeltà, vittimismo o semplice invadenza, le persone difficili portano il nostro cervello a vivere uno stato di agitazione e stress che dovrebbero essere evitati a ogni costo.

Molti di noi sono o sono stati infastiditi da persone invadenti, cioè da persone che impongono la loro presenza senza alcuna discrezione e rispetto. Persone che si sentono in diritto di giudicare e interferire nella vita degli altri (in questo caso la nostra), pretendendo attenzione e invadendo la nostra sfera privata. Secondo costoro, niente è importante quanto il loro parere, niente viene prima dei loro problemi, sono logorroici e si parlano addosso, ignorando qualunque tentativo di sviare il discorso riportandolo in senso più generale. Sono infatti solitamente persone egocentriche, accentratrici e monopolizzatrici, ignorando assolutamente le esigenze del loro interlocutore.

Non è un caso, infatti, se chi frequenta questo tipo di persone si sente invadere da una sensazione di soffocamento e di fastidio, arrivando a vere e proprie crisi nervose perché il cervello si rifiuta di accettarle.

Eppure, molti sopportano, restano in silenzio e subiscono, vuoi perché si tratta di un parente, di un collega o addirittura di chi abbiamo scelto per un aiuto, senza capire fino in fondo il danno che ci deriva dalla sopportazione di queste persone. Sappiamo benissimo che è impossibile cambiare le altre persone, che non ne abbiamo la capacità né la possibilità e, a meno di rinchiuderci in isolamento, è però necessario fare qualcosa.

Anzitutto (più facile a dire che a farsi), respiriamo profondamente e attingiamo a quella calma che stiamo per perdere; quindi parliamo con determinazione ai cari invadenti ponendo dei paletti ben precisi in qualunque tipo di conversazione.

Intanto teniamo presente che chiunque (noi compresi) ha diritto di proteggere la propria sfera privata e non vuole venire controllato con atteggiamenti che diventano persino morbosi, quindi la cosa migliore è comunicare con estrema sincerità e parole adeguate il proprio disagio verso l’intrusione che viene messa in atto nei nostri confronti. Sicuramente riceveremo dinieghi e le persone “colpite” si sentiranno incomprese, ma è meglio ribadire anche a noi stessi che tenere a distanza chi non rispetta la propria privacy – e addirittura la propria libertà – non è egoismo ma un atto d’amore verso se stessi e diventa un passo importante per il proprio benessere psicofisico.

Suggerire strategie può essere semplice, molto più difficile è attuarle ma ne va del nostro equilibrio, quindi:

  • non lasciamoci coinvolgere in discussioni che ci mettono a disagio;
  • esprimiamo sempre il nostro punto di vista in un dialogo aperto e sincero;
  • con amici e parenti invadenti evitiamo discorsi che possano innescare i soliti meccanismi negativi;
  • siamo fermi e determinati senza fare eccezioni, è una difesa giusta e sacrosanta.
Riflessione al maschile: dall’uguaglianza alle differenze
Cop25 sul clima a Madrid: un fallimento annunciato

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...