Portale di economia civile e Terzo Settore

Don Mattia Ferrari: “Ecco la mia esperienza sulla nave che salva i profughi”

24

«Indipendentemente dalla nostra religione e dal mondo dal quale proveniamo, ciò che ci unisce è la nostra comune umanità». Ne è convinto don Mattia Ferrari, il giovane sacerdote di Nonantola (Modena) che nei mesi scorsi ha lasciato per qualche settimana la sua comunità per andare a fornire sostegno ai profughi appena salvati dalle onde. Lo abbiamo incontrato per farci raccontare la sua esperienza di cappellano per la ong “Mediterranea saving humans” e siamo ben lieti di condividere le sue parole di coraggio, umanità e fratellanza.

Violenza donne e bambini: la proposta di WeWorld Onlus
A Prato i bambini in ospedale viaggiano motorizzati

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...