Portale di economia civile e Terzo Settore

Race for the Cure: a Pescara la gara contro i tumori al seno

47

“Ci sono sfide che insieme si affrontano meglio. E tu con chi corri?” E’ un invito preciso quello che arriva dall’attrice Cristiana Capotondi interprete, insieme a Roberto Ciufoli ed Elena Bouryka, dello spot ufficiale firmato dal regista Daniele Luchetti,  scritto a due mani da Marco Diotallevi e Fabio Morici e realizzato da Catteleya, per l’edizione 2019 della Race for The Cure, la manifestazione podistica in rosa per la lotta ai tumori del seno, ideata 20 anni fa a Roma e negli anni estesasi in diverse città italiane.

Organizzata dall’Associazione Susan G. Komen Italia, presieduta da Riccardo Masetti, l’iniziativa dal 20 al 22 settembre arriverà per la prima volta anche a Pescara, in concomitanza con la tredicesima edizione di Bologna, e la settimana successiva si sposterà a Matera per la prima volta e contemporaneamente anche a Brescia.

Dal 2000 ad oggi Komen Italia ha investito più di 17 milioni di euro in oltre 850 nuovi progetti per la salute delle donne. Grazie ai fondi raccolti nell’edizione 2018 della Race for the Cure, ha potuto sostenere 93 nuovi progetti di associazioni impegnate nella lotta ai tumori del seno in 17 regioni italiane, oltre a “La Carovana della Prevenzione” che, con le sue Unità Mobili, ha già erogato oltre 20.000 prestazioni gratuite in 14 regioni italiane.

«La Race for the Cure è una preziosa occasione per accendere i riflettori sulla cultura della prevenzione –  ha sottolineato nel corso della presentazione dell’edizione pescarese, Isabella Marianacci, presidente di Komen Abruzzo – sensibilizzando l’opinione pubblica a un cambiamento radicale nell’approccio con cui si affronta questa patologia, per trasmettere il messaggio che “prevenire è meglio che lottare”. La prevenzione consente di intercettare una eventuale patologia ai suoi stadi iniziali e una diagnosi precoce è sinonimo di maggiori probabilità di guarigione con cure meno invasive, che impattano in maniera meno incisiva sulla psiche e sul corpo delle donne colpite».

La manifestazione è dedicata alle Donne in Rosa, donne che stanno affrontando o hanno affrontato il tumore del seno che, indossando una maglietta di quel colore «si rendono visibili – ha detto Masetti – sensibilizzando l’opinione pubblica sull’importanza della prevenzione e della diagnosi precoce e mandando un forte messaggio di incoraggiamento e di speranza alle tantissime donne che si stanno confrontando con la malattia».

Abbinata alla gara podistica, che si terrà domenica, c’è una due giorni dedicata alla prevenzione. Venerdì 20 (con inizio alle 15) e sabato 21 settembre, infatti, in piazza della Rinascita a Pescara sarà attivo il “Villaggio della Salute” dove saranno offerte gratuitamente consulenze specialistiche ed esami diagnostici per la prevenzione dei tumori del seno e ginecologici, dei tumori della pelle e delle patologie cardio-vascolari. Sarà inoltre possibile sottoporsi a test audiometrici e screening dell’udito, consulenze nutrizionali e di training autogeno e alla misurazione della pressione arteriosa. Verranno allestiti uno sportello informativo sui programmi di screening per la prevenzione del tumore del seno, del collo dell’utero e del colon, iniziative dedicate alle donne in rosa, momenti di approfondimento e attività di sport e fitness.

Domenica, dalle 9:40 si comincia con la gara. Tutti i partecipanti si ritroveranno ai nastri di partenza per la corsa di 5 km, sia competitiva che amatoriale, o per la passeggiata di 2 km. Per iscriversi alla Race, la donazione minima è di 13 euro, ma donando 15 euro o più i partecipanti contribuiranno al progetto “Carovana della Prevenzione”.

Tutti gli iscritti alle sei edizioni della Race for the Cure 2019, grazie a un protocollo di intesa con il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, mostrando la ricevuta di iscrizione o il pettorale di gara, possono accedere gratuitamente con un accompagnatore ai principali musei, monumenti e parchi archeologici statali delle rispettive città. Per la Race for the Cure di Pescara, i musei abruzzesi che hanno aderito sono: il Museo archeologico nazionale d’Abruzzo a Chieti, il Museo “Casa natale di Gabriele d’Annunzio” a Pescara e il Museo archeologico nazionale “La Civitella” a  Chieti.

Il popolo dei Rohyngya non trova pace
La Terra sta cambiando, perché noi no

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...