Portale di economia civile e Terzo Settore

Il centro di Homestead in Florida criticato da Amnesty International

12

Una delegazione di Amnesty International ha visitato il centro di “emergenza temporanea” di Homestead in Florida, Stati Uniti.

A Homestead vengono ospitati oltre 2.000 minori migranti di età compresa tra i 13 e i 17 anni e, secondo la nota Ong, «è uno degli esempi più crudeli e inumani delle politiche dell’amministrazione Trump in materia d’immigrazione».

Infatti, in base al diritto internazionale, i minori non dovrebbero essere posti in detenzione se non in circostanze estreme e in ogni caso gli Stati sono obbligati a perseguire il migliore interesse del minore.

In realtà i minori detenuti a Homestead non soltanto non hanno commesso alcun reato, ma l’unico motivo per cui vengono trattenuti è la loro condizione di migranti privi di documenti.

La situazione di questi minori è da ritenersi ancora più grave se si pensa che vengono bloccati per settimane e addirittura mesi lontani dalle proprie famiglie e che le persone che lavorano nel centro non sono soggette agli stessi controlli rigorosi effettuati nelle strutture organizzate. Addirittura, informa Amnesty, le ragazze presenti a Homestead devono presentare un modulo di richiesta se necessitano di assorbenti aggiuntivi, con ulteriore umiliazione per un diritto assolutamente naturale.

Naturalmente la maggior parte dei minori è arrivata dal Centro America; dopo aver viaggiato per migliaia di chilometri, i ragazzi, accompagnati da parenti o adulti cui erano stati affidati, sono stati separati alla frontiera da chiunque li avesse fin lì avuti in custodia.

Tra l’altro, sottolinea l’Ong, «il regime detentivo è pessimo e feroce: cure mediche inadeguate, regolamenti rigidissimi, obbligo d’indossare un badge con codice a barre da scansionare ogni volta che si passa da un edificio a un altro, “domandine” da compilare per ogni necessità».

Ecco quindi che Amnesty ha compilato e diffuso un appello affinché le autorità pongano rimedio a questa situazione; l’appello si può leggere e firmare direttamente qui.

Sei forte papà? No
A margine delle dimissioni di Raffaele Cantone

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...