Portale di economia civile e Terzo Settore

Eradicazione per alcuni tipi di tumore con la termoablazione

19

Da circa vent’anni presso l’Ospedale Madre Teresa di Calcutta a Monselice (Padova) – che fa parte dell’Ospedale Schiavonia – si eseguono interventi di termoablazione per la rimozione di tumori.

Sino a oggi l’equipe medica dell’Unità operativa semplice di Epatologia ha eseguito oltre 1.300 interventi su reni, polmoni, ossa, fegato e tiroide, ottenendo un successo del 98,5%.

Ma l’ultimo intervento effettuato ha aperto nuove possibilità diffuse per la cura dei tumori: infatti ha riguardato un paziente di 80 anni, affetto da due tumori (uno al fegato e l’altro al rene) a causa dei quali le sue possibilità di restare in vita erano seriamente compromesse.

Purtroppo il paziente, affetto da una malattia cardiaca, non poteva essere sottoposto a un intervento chirurgico tradizionale e quindi l’equipe medica, sotto la direzione di Mauro Mazzucco (appartenente all’Unità operativa complessa di Medicina guidata da Lucia Leone), ha deciso di sottoporre l’uomo alla termoablazione, eseguita in sedazione profonda ma con respirazione spontanea.

L’intervento è durato soltanto circa 20 munuti per la rimozione di entrambi i tumori utilizzando la termoablazione con microonde (sì, proprio come quelle dei nostri forni), ecoguidata per via percutanea. Quindi niente bisturi ma un ago che, attraverso la pelle, ha raggiunto le zone dei tumori uccidendoli grazie all’elevato calore (150 gradi); con questa temperatura il tumore viene disidratato ed entra quindi in necrosi, cioè di fatto muore.

Il paziente ottantenne è stato controllato con ecografia dopo 24 ore dall’intervento al fine di verificare che i tumori fossero stati effettivamente rimossi, dopo di che l’uomo è stato dimesso.

Però va rilevato che questo trattamento speciale è riservato solo a pazienti selezionati in base a specifiche condizioni cliniche ma è certamente un metodo che offre una forte percentuale di guarigione con conseguenze minime sulla qualità della vita dei pazienti. Un metodo che ci si augura possa venire implementato.

Oms: l’epidemia di Ebola in Congo è diventata emergenza mondiale
Fondazione Baroni: 4 bandi per l'inclusione sociale dei disabili

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...