Portale di economia civile e Terzo Settore

Congresso USA: risoluzione definisce Donald Trump razzista

10

È nuovamente Amnesty International a precisare direttamente sul proprio sito che il 14 luglio il presidente Donald Trump ha denigrato e insultato quattro deputate scrivendo queste parole su twitter: «Perché non se ne tornano da dove provengono e danno una mano a sistemare quei paesi del tutto corrotti e infestati dal crimine … Poi tornano e ci spiegano come hanno fatto».

Non ha citato alcun nome ma era assolutamente evidente, continua l’associazione per i diritti umani, che i tweet erano diretti ad Alexandria Ocasio-Cortez dello Stato di New York, Ilhan Omar del Minnesota, Ayanna Pressley del Massachusetts e Rashida Tlaib del Michigan.

Ma, ancora peggio, il giorno dopo Trump ha attaccato Alexandria Ocasio-Cortez – comunemente nota con l’appellativo AOC – e altri parlamentari accusandoli di essere  «contro l’America» e di portare avanti politiche che «distruggerebbero il nostro Paese». E ancora, a un cronista che chiedeva al presidente dove desiderava che le quattro parlamentari andassero, dato che tre di loro sono nate negli Usa e la quarta è naturalizzata americana dal 2000, ha ribadito: «Se non sono contente di stare qui, possono andarsene. Queste sono persone che odiano l’America e amano i nostri nemici».

Intanto il Congresso ha approvato una risoluzione che condanna «i commenti razzisti che hanno legittimato paura e odio nei confronti dei Nuovi Americani e delle persone di colore» del presidente Trump per le sue affermazioni, con 228 voti a favore contro 189 no. Inoltre, il deputato democratico del Texas Al Green ha formalmente presentato alla Camera una richiesta per l’impeachment di Donald Trump, ma il 18 luglio con 332 voti a favore e 95 contro, la Camera Usa, controllata dai democratici, ha deciso di mettere da parte e rinviare la risoluzione per avviare l’impeachment di Donald Trump.

Il segretario generale di Amnesty International Kumi Naidoo ha commentato sul sito dell’Associazione: «Da presidente degli Usa, Trump ha demonizzato gruppi di minoranza, aizzato l’odio e la paura e seminato divisione. Gli orrendi tweet contro le quattro deputate sono l’esempio del razzismo e della xenofobia che dominano le sue deplorevoli politiche: dal divieto d’ingresso a persone provenienti da stati a maggioranza musulmana alla separazione dei figli dei loro genitori al confine messicano fino alla negazione dei diritti delle persone che cercano asilo. Le sue parole spiegano che è la xenofobia, piuttosto che la sicurezza delle persone negli Usa, a motivare queste politiche».

Disabilità e sport: il Race Across Limits fa tappa a Pescara
Violenza contro le donne: il "Codice rosso" è legge

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...