Portale di economia civile e Terzo Settore

Webecome: Miur e Intesa Sanpaolo contro il disagio dei bambini

25

Intesa Sanpaolo ha presentato nei giorni scorsi a Milano il progetto Webecome, un’iniziativa nata per prevenire ed eliminare i fenomeni di disagio sociale dei bambini.

Il progetto, adatto per piccoli utenti dai 6 ai 10 anni, prevede una piattaforma online gratuita per risolvere i disagi sociali durante il periodo dell’infanzia. Sono sette le lettere che compongono l’Alfabeto per crescere di Webecome, ognuna per un diverso tema da affrontare.

Le sette tematiche affrontate sono: il bullismo, il cyberbullismo, la diversità, la nutrizione, le competenze trasversali, le dipendenze e l’educazione civica. Ognuno di questi argomenti ha una parola e una lettera corrispondente, una sorta di parola per curare quel problema. Ad esempio, G sta per gusto e quindi nutrizione, B sta per benessere per la tematica delle dipendenze. Queste formano l’Alfabeto per crescere.

Il progetto è stato presentato a Milano alla presenza del presidente della Intesa Sanpaolo e al ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Marco Bussetti. “Intesa Sanpaolo sostiene la prevenzione e il contrasto di questi gravi fenomeni che minano il lineare percorso di sviluppo dei bambini fin dai primi anni di scuola”, ha commentato Gian Maria Gros–Pietro, presidente di Intesa Sanpaolo.

Il progetto si rivolge sia ai genitori, che agli insegnanti dei bambini. A disposizione ci sono 1300 ore di formazione secondo tre percorsi paralleli, a secondo del ruolo della persona, con 150 materiali di approfondimento. Il progetto ha coinvolto 100 scuole e dirigenti scolastici, 50 genitori e oltre 2500 bambini.

“Combattere il disagio giovanile è uno dei compiti della scuola, soprattutto in tempi come i nostri, in cui siamo collegati in rete e disorientati, soprattutto da giovani, ha evidenziato il ministro Bussetti.

Amnesty International denuncia le repressioni cinesi per le commemorazioni di piazza Tienanmen
Per conquistare la vetta dell’Everest sono morte undici persone

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...