Portale di economia civile e Terzo Settore

Stop all’uso di bombe italiane nel conflitto in Yemen

16

Sono state Fondazione Finanza Etica e Rete Italiana per il Disarmo a chiedere di fermare la produzione italiana di bombe che uccidono i civili in Yemen.

In particolare Fondazione Finanza Etica ha partecipato come azionista critico all’assemblea di Rheinmetall (azienda tedesca produttrice di armi da fuoco) per «chiedere chiarimenti sulla controllata RWM Italia S.p.A. che esporta bombe verso l’Arabia Saudita, Paese che guida la coalizione che sta intervenendo militarmente e con bombardamenti in Yemen», scrive in una nota congiuntamente a Rete Italiana per il Disarmo.

Infatti, secondo le due associazioni, l’intervento militare in Yemen ha già fatto numerosissime vittime tra i civili, in una guerra insensata senza alcun mandato internazionale e quindi non legittimata.

Nella stessa nota congiunta si può leggere ancora: «Il conflitto in corso in Yemen è la più grande tragedia umanitaria contemporanea, come indicato nel Rapporto finale del gruppo di esperti sullo Yemen del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e in una Risoluzione del Parlamento Europeo». Ma c’è di più, poiché  «In Sardegna RWM Italia S.p.A. è accusata da associazioni e comitati locali ambientalisti e pacifisti di aver violato numerose leggi e norme dello Stato Italiano e della Regione Sardegna, nell’ambito della procedura per l’ampliamento dello stabilimento di Domusnovas-Iglesias. Per questo dovrà comparire a giustificare il proprio operato nell’udienza del TAR Sardegna fissata per il 19 giugno 2019».

Sono inoltre stati richiesti alla Rheinmetall  eventuali piani per la riconversione a usi civili della fabbrica sarda e chiarimenti sullo spezzettamento del piano industriale che potrebbe essere stati effettuati per aggirare le norme urbanistiche del Comune di Iglesias. Sono molte altre le richieste particolari, ma probabilmente una delle più importanti è la constatazione che il Governo tedesco abbia deciso (nell’ottobre del 2018) una sospensione di sei mesi – prorogata di altri sei – di tutte le forniture militari all’Arabia Saudita, mentre in Italia si consente che gli ordigni e le bombe prodotti in Sardegna siano utilizzati nel conflitto contro lo Yemen. Anche diverse Ong, come ad esempio Amnesty International, si sono schierate contro l’uso di bombe italiane nel conflitto che sta provocando tanti morti.

Anche in Louisiana (USA) stretta sull’aborto
"Proteggi l'oceano": la nuova campagna di Greenpeace

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...