Portale di economia civile e Terzo Settore

I migranti stranieri fondano molte imprese in Italia

36

A dispetto di quello che sentiamo dire sui migranti – una delle cose più carine che sentiamo è che vengono a portarci via il lavoro, un’altra è che non vogliono lavorare – , secondo uno studio di Unioncamere  sono circa 600.000 le imprese fondate da stranieri nel nostro Paese.

I dati sono stati elaborati sulla base dei registri delle Camere di Commercio, quindi non ci sono dubbi: alla fine del 2018 queste imprese rappresentano il 9.9% del totale e l’imprenditoria straniera conferma di essere una componente reale e in crescita del tessuto imprenditoriale italiano.

In effetti al 31 dicembre dello scorso anno, soltanto 400 Comuni italiani (su un totale di 7.900) erano completamente privi di imprese con titolare straniero, anche se circa 470.000 di queste ultime (l’80% del totale) risultano essere micro imprese individuali.

In compenso sono circa 107 i Comuni che possono contare almeno 500 attività economiche di immigrati; l’hinterland di Milano e la città metropolitana stessa, Roma, Napoli e Firenze risultano essere poli di attrazione naturali per l’insediamento di certi tipi di attività, basti pensare alla Chinatown milanese o alla realtà, sempre cinese, di Prato.

Tra i Comuni con realtà di numerosissime imprese create da immigrati spicca Casandrino (Napoli) con il 58,3% di imprese  gestite da non italiani sul totale del territorio; segue Castel Volturno (Caserta) con il 43% e Sesto Fiorentino (Firenze) con il 49,7%.

La forte concentrazione di imprese straniere si accompagna anche alla prevalenza di una specifica nazionalità di nascita degli imprenditori: per esempio a San Nicola La Strada (Caserta), l’81.6% dei titolari di impresa fondata da immigrati viene dal Senegal, a Castel Volturno (Caserta) il 51.4% dalla Nigeria, a Casandrino (Napoli) il 41.7% dal Bangladesh.

Insomma, un po’ come se i migranti avessero scelto una nuova “patria di adozione” in cui vivere, secondo la propria provenienza. Così la maggior parte degli egiziani sta a Milano, come un forte numero di cinesi, che però vivono anche vicino a Firenze; a Roma si trova la comunità rumena più estesa con i propri imprenditori e quella tunisina.

Il settore in cui le imprese di proprietari stranieri sono maggiormente presenti in valore assoluto ò quello del commercio al dettaglio, seguono i lavori di costruzione specializzati e i servizi di ristorazione.

Il numero di queste imprese è in costante crescita, ecco quindi che è stato sfatato un falso mito.

Un nuovo legno trasparente per le nostre abitazioni
A Milano è stata inaugurata Casa Sollievo Bimbi di Vidas

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...