Portale di economia civile e Terzo Settore

I ragazzi di AIESEC danno lezioni per un futuro migliore

28

I ragazzi di AIESEC, la famosa associazione studentesca presente in oltre 120 Paesi nel mondo, hanno deciso di attivare il 27 febbraio scorso la seconda edizione italiana della World’s Largest Lesson che si è allargata a tre città del nostro Paese: Torino, Bologna e Napoli.

L’avvenimento ha coinvolto 29 classi e oltre 700 alunni delle scuole superiori che hanno parlato di temi importanti quali l’uguaglianza di genere, pari opportunità, educazione e sostenibilità. E sono stati proprio loro, i ragazzi, a preparare e a tenere le lezioni, in virtù del fatto che queste tematiche riguardano il loro futuro e già da un po’ di tempo sono i più giovani a cercare di responsabilizzare gli adulti in merito a questi temi, dal momento che saranno loro gli attori e i responsabili del mondo di domani.

Purtroppo, secondo gli ultimi report, quando in Italia si parla di educazione scolastica, si delinea un quadro a tinte piuttosto cupe: anche se negli ultimi anni è leggermente migliorata la situazione dei tassi di abbandono precoce nell’istruzione per i ragazzi dai 18 ai 24 anni (abbassata dal 14,7 al 13.8%), mentre è in aumento la preoccupazione per i più giovani di 15 anni, il cui dato (diffuso a macchia d’olio) si aggira purtroppo tra il 15 e addirittura il 20%.

La World’s Largest Lesson è stata ideata da AIESEC con Project Everyone in collaborazione con Unicef e sostenuta da Unesco con lo scopo di portare nelle scuole temi rilevanti come gli Obiettivi di Sviluppo sostenibile dell’agenda delle Nazioni Unite e in particolare il numero 4.

Ma quest’anno non si fermerà a questa lezione, poiché l’iniziativa avrà un evento finale a Torino che si svolgerà il 4 e 5 giugno. In quei giorni infatti si terrà lo Youth Speak Forum, due giornate di conferenze e workshop che si svolgeranno all’interno del festival dello Sviluppo Sostenibile di ASviS, in collaborazione con Pubblicità Progresso per approfondire ulteriormente la tematica e sotto l’egida dell’ONU.

Maggiori informazioni si possono trovare qui.

San Patrizio: storia di una festa tra sacro e profano
Clima: il discorso della piccola grande Greta Thunberg

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...