Portale di economia civile e Terzo Settore

Iran: condanna durissima per Nasrin Sotoudeh, avvocato donna dei diritti civili

36

Si chiama Nasrin Sotoudeh la donna, di professione avvocato, condannata in Iran da una corte di Teheran a 33 anni di carcere e a subire 148 frustate. Lo ha rivelato il marito dopo una breve conversazione telefonica con la donna dal carcere spiegando che la sentenza è stata comminata per collusione contro la sicurezza nazionale, propaganda contro lo Stato, istigazione alla corruzione e alla prostituzione e per essere addirittura apparsa in pubblico senza hijab (il velo che copre il capo che in Iran è obbligatorio per le donne).

Sotoudeh è l’avvocato più famoso nel Paese e da anni si trova in prima fila per la difesa dei diritti civili in Iran. Già vincitrice del premio Sakharov del Parlamento europeo nel 2012, ha lavorato anche come braccio destro del premio Nobel per la Pace Shirin Ebad, sua collega e compatriota.

Alla sentenza attuale si aggiunge la condanna di 5 anni emessa in contumacia nel 2016 dal tribunale rivoluzionario di Teheran per spionaggio, arrivando così a una condanna totale di 38 anni di carcere; Nasrin è stata arrestata nel mese di giugno del 2018.

Amnesty International lancia un appello per la sua liberazione (che è possibile firmare qui) e spiega che  Nasrin Sotoudeh aveva preso posizione contro l’applicazione di una nota aggiuntiva all’articolo 48 del codice penale iraniano, in base alla quale si nega il diritto di nominare un avvocato di fiducia alle persone imputate di determinati reati, tra i quali quelli contro la sicurezza nazionale. Costoro possono scegliere unicamente in una lista di avvocati approvata dal Capo del potere giudiziario; per la provincia di Teheran, ad esempio, gli avvocati approvati sono solo 20.

Ma c’è di più, poiché sempre Amnesty dichiara che i giudici hanno applicato l’articolo 134 del codice penale che autorizza a emettere una sentenza più alta rispetto a quella massima prevista se l’imputato ha più di tre imputazioni a carico.

Inoltre, l’Irna (Agenzia di stampa della Repubblica iraniana) ha riferito che «il giudice Moghiseh ha detto ai giornalisti che Nasrin Sotoudeh era stata condannata a sette anni: cinque per associazione e collusione per compiere reati contro la sicurezza nazionale e due per offesa alla Guida suprema ».

Il lancio di agenzia non ha chiarito se il giudice si stesse riferendo a un ulteriore caso separato.

Ha voluto sottolineare costernato Philip Luther, direttore delle ricerche di Amnesty nella zona: «Nasrin Sotoudeh ha dedicato tutta la vita a difendere i diritti delle donne e a chiedere l’abolizione della pena di morte: è semplicemente oltraggioso che le autorità iraniane la puniscano per questo. Il verdetto di colpevolezza e la condanna di oggi confermano la reputazione dell’Iran come crudele oppressore dei diritti delle donne».

Cologno al Serio: in arrivo un Alzheimer caffè
Apepak: addio plastica grazie alla cera d'api

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...