Portale di economia civile e Terzo Settore

Allerta in Antartide per un iceberg che si potrebbe staccare

162

Un enorme iceberg con una superficie che viene ritenuta doppia rispetto a quella che ricopre New York, potrebbe essere in  procinto di staccarsi dalla piattaforma di ghiaccio dell’Antartide nell’Oceano Atlantico.

Dei problemi dell’Antartide abbiamo scritto molte volte, per esempio in questo articolo dove si spiegava l’innalzamento delle rocce sotto i ghiacci, oppure in quest’altro deprecando il blocco di un’area marina protetta.

Intanto, l’Osservatorio “Hearth” della Nasa ha pubblicato immagini satellitari che mostrano l’inarrestabile avanzata delle crepe nei ghiacci, vere e proprie voragini che fanno davvero paura.

Purtroppo i ricercatori non sanno dire se e quando l’iceberg si staccherà né conoscono i reali impatti della rottura, ma tutti temono per le infrastrutture scientifiche e soprattutto per la presenza umana nella Brunt Ice Shelf, dove è presente fin dal lontano 1955 la stazione di ricerca Halley VI  dove opera la British Antarctic Survey che ha svolto ricerche e fatto grandi scoperte come per esempio quella relativa al buco nell’ozono. Per ogni evenienza, la stazione britannica ha deciso di chiudere e di spostarsi di circa 23 chilometri e il suo trasferimento avverrà tra marzo e novembre.

In particolare, l’attenzione degli scienziati è rivolta a due crepe, la prima che avanza verso est denominata “The Halloween Crak” e la seconda che invece si sposta verso nord al ritmo impressionante di 4 chilometri l’anno. Infatti, è proprio l’avanzamento di questa seconda spaccatura che preoccupa maggiormente, dal momento che è rimasta ferma e stabile per ben 35 anni. Naturalmente la sua accelerazione è la più pericolosa poiché mette a rischio il futuro della stazione scientifica dove si alternano numerosi scienziati, tecnici e operatori.

Quanto sta accadendo in Antartide non è altro che l’ennesimo allarme per il riscaldamento globale e sappiamo che l’innalzamento del livello dei mari è dovuto allo scioglimento dei ghiacci.

Anche se la Nasa sottolinea che esistono iceberg più grandi come dimensioni, il distacco di questo potrebbe essere il più importante da quando sono iniziate le osservazioni nei primi anni del ventesimo secolo.

Sensuability & Comics la mostra su sessualità e disabilità
Convegno nazionale sul carcinoma mammario a Udine

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...