Portale di economia civile e Terzo Settore

Oxfam: in Yemen la carestia nega l’infanzia alle bambine

62

In Yemen ci si trova di fronte a una vera e propria catastrofe umanitaria, con quasi 10 milioni di persone che vivono in carestia e di queste a farne le spese maggiori sono le bambine. Lo ha denunciato Oxfam, in occasione della Conferenza dei Paesi donatori a Ginevra.

Dell’allarmante situazione in Yemen abbiamo scritto più volte (per esempio in questo articolo) e, riguardo la  guerra in corso da quasi quattro anni contro la Coalizione guidata dall’Arabia Saudita, avevamo spiegato come ci sia un embargo per bloccare le armi che però ha bloccato i rifornimenti di prodotti alimentari.

La Ong nel suo rapporto spiega che per esempio nel nord del Paese mediorientale tante famiglie stremate, senza cibo e senza casa, arrivano al punto di dare in matrimonio figlie anche piccolissime (addirittura in un caso una bimba di tre anni) per poter ricevere la dote e quindi procurarsi un po’ di cibo e salvare il resto della famiglia. Se è vero, come affermato, che in Yemen il fenomeno dei matrimoni precoci è stato abituale, è altrettanto vero che adesso sta raggiungendo modalità scioccanti. Del resto, alcune famiglie hanno raccontato agli operatori della Oxfam che, pur sentendo come questo sia profondamente sbagliato, non hanno alcun’altra possibilità di scelta: devono vendere le figlie per far sopravvivere la famiglia che, in alcuni casi, può arrivare a contare 15 membri, comprese diverse persone anziane che necessitano di cure. Inutile sottolineare che non ci sono nemmeno medicine.

Del resto, il persistere del conflitto ha costretto molte famiglie a scappare e raggiungere aree isolate e prive di tutto; luoghi dove naturalmente mancano tutti i servizi essenziali, a partire dalle reti idriche, presidi sanitari e cibo. Non c’è nemmeno la possibilità di lavorare e la maggioranza di queste persone vive di tè e pane secco. Quando è possibile trovarne.

Ha spiegato Paolo Pezzati, policy advisor per le emergenze umanitarie di Oxfam Italia: «Con l’andare avanti di questa guerra atroce, i mezzi a disposizione della popolazione per far fronte alla carestia di cui sono vittime, sono diventati sempre più disperati. Per poter far sopravvivere almeno una parte della propria famiglia, sono costretti a prendere decisioni che distruggeranno per sempre la vita dei loro figli. Tutto questo è disumano, eppure è la conseguenza diretta di una catastrofe provocata dall’uomo, perché all’origine di questo orrore dentro l’orrore, c’è il conflitto in corso. La comunità internazionale deve fare tutto ciò che è in suo potere per porre fine ai combattimenti e assicurare alla popolazione il cibo, l’acqua e le medicine di cui ha un disperato bisogno».

Convegno nazionale sul carcinoma mammario a Udine
A Milano la nascita del Pronto soccorso psicologico

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...