Portale di economia civile e Terzo Settore

La storia di Fiore Manzo, rom italiano plurilaureato

17

“Non guardarmi con occhi mielati se poi dietro il tuo beffardo buonismo si nasconde una impavida impronta di razzismo. Tu mi usi e poi mi getti come un Fiore appassito”

Quanto riportato è parte di una poesia scritta da Fiore Manzo, un plurilaureato di 25 anni. Fiore è un ragazzo rom, italiano da decine di generazioni, anzi, come tiene a specificare con orgoglio «italiano da 600 anni».

Nato a Cosenza, nel campo rom di via Gergeri, parla anche il calabrese, ha una laurea in Scienze dell’educazione e una seconda in Scienze Pedagogiche per l’interculturalità. Il suo sogno è l’insegnamento di filosofia o scienze umane alle scuole superiori e farà certamente di tutto per riuscire ad attuarlo.

Ha affermato con il suo bellissimo sorriso: «E’ difficile abbattere i pregiudizi della gente. Perché alla gente appaio così strano? Non sono l’unico rom laureato, ce ne sono tantissimi».

Fiore conosce praticamente tutto della storia della propria etnia e spiega paziente: «I rom sono uno dei principali gruppi etnici della popolazione di lingua romanì, originaria dell’India del nord. La parola rom deriva dal sanscrito dom, che significa essere umano». Ma prosegue: «Fa male dover spiegare ogni volta che i rom nei campi sono una piccola minoranza, tutti gli altri vivono in case normali. E’ vergognoso vivere nei campi, per me è stato difficile crescere in un campo, però vanno fatte politiche serie, dobbiamo stare attenti all’uso delle parole per non creare una guerra tra ultimi e penultimi».

E ancora, ma sempre con il sorriso sulle labbra ricorda i blitz dei poliziotti, che entravano in massa con un mandato di perquisizione, i carabinieri col mitra in mano. Quei controlli servivano per scovare presunti delinquenti all’interno del campo. «Certo che c’erano delinquenti – sostiene – ma la marginalità crea ovunque devianza, succede in tutti i quartieri del mondo».

Giappone: in arrivo le stelle cadenti artificiali
Un semplice test per conoscere la cultura romanì 5/5

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...