Portale di economia civile e Terzo Settore

A Rimini la protesta dei giostrai sinti e rom per il campo di via Islanda

29

Le famiglie di giostrai Sinti e Rom, con l’appoggio delle proprie associazioni italiane, si sono date appuntamento a Rimini il 18 dicembre scorso. Alla manifestazione erano presenti 30 persone in rappresentanza di una comunità costituita da circa 300 individui, senza schiamazzi o altro ma chiedendo ascolto e dignità.

Il raduno era stato annunciato con una conferenza stampa pochi giorni prima e l’appuntamento era davanti alla sede del Consiglio Comunale al fine di protestare per la mancata applicazione della Legge regionale n. 11, recante la normativa per l’inclusione sociale di queste due comunità.

Infatti nel 2015 la Regione Emilia-Romagna aveva approvato quella Legge che avrebbe potuto consentire ai sindaci le modifiche di destinazione d’uso di case mobili su terreni agricoli (come quelle posizionate appunto dai giostrai) per favorire l’integrazione delle comunità in piccole aree dedicate. Eppure, nei primi giorni di dicembre 2018, il Comune di Rimini ha inviato a ben 30 famiglie ordinanze di esproprio.

Il fatto è che i sinti giostrai di Rimini non ci stanno e in una nota fanno sapere che «la condotta del Comune è sintomo dell’ottusa e ostinata volontà della Giunta di lasciare per strada un centinaio di sinti riminesi di cui la metà sono minori che frequentano le scuole locali». Ma non soltanto, poiché considerano la loro comunità «come l’esempio migliore di integrazione, pur senza rinunciare all’identità culturale».

Nel corso del Consiglio comunale tenutosi pochi giorni prima della protesta, il consigliere Mario Erbetta aveva rivolto al vice sindaco Gloria Lisi un’interrogazione a riguardo dello sgombero, richiedendo soluzioni sollecite. La risposta è stata: «Tutto è saltato: maggioranza e minoranza non riescono a trovare un accordo e in più il dibattito ha infiammato l’opinione pubblica, con molti cittadini che si oppongono alla realizzazione di micro aree. Per quanto mi riguarda io mi rimetto al Consiglio comunale che dovrà decidere su una questione spinosa».

In effetti imperversa da mesi il dibattito sulla questione del campo nomadi di via Islanda, che nella realtà dei fatti è fatiscente, in precarie situazioni igieniche e a forte rischio sicurezza. Purtroppo l’ipotesi del Comune di creare piccole aree sparse sul territorio per ricollocare gli abitanti del campo è stata vanificata e ancora non si intravede alcuna soluzione.

Sergio Mattarella e il valore della sobrietà
Cari lettori, vi scrivo...

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...