Portale di economia civile e Terzo Settore

Pena di morte nel mondo: votazione all’Assemblea generale delle Nazioni Unite

26

Un comunicato di Amnesty International Italia informa che il 17 dicembre scorso un numero record di Stati membri delle Nazioni Unite ha votato a favore della risoluzione che chiede una moratoria sulle esecuzioni in vista dell’abolizione totale della pena di morte.

Infatti, dei 193 Paesi membri, 121 (circa il 63%) hanno votato a favore della settima risoluzione presentata dal Brasile, sostenuta da 83 Stati nella sessione plenaria dell’Assemblea generale a New York.

I Paesi contrari sono stati 35 mentre 32 si sono astenuti dal voto.

Viene fatto notare che, per la prima volta, Dominica, Libia, Malaysia e Pakistan hanno votato a favore, ma un’altra nota positiva sta nel fatto che Antigua e Barbuda, Guyana e Sud Sudan sono passati dal voto contrario all’astensione.

A voler esaminare con maggiore attenzione, si evidenzia che Guinea Equatoriale, Gambia, Mauritius, Niger e Ruanda hanno votato a favore dell’abolizione, mentre due anni fa si erano schierati contro; Nauru è passata dal voto favorevole al voto contrario, Bahrein e Zimbabwe dall’astensione al voto contrario; Congo e Guinea dal voto a favore all’astensione.

Ha dichiarato orgogliosa Chiara Sangiorgio, esperta di Amnesty International sulla pena di morte nel mondo: «Il fatto che un numero record abbia votato in favore della fine delle esecuzioni mostra che l’abolizione globale della pena di morte sta diventando un’inevitabile realtà. Un mondo libero dalla pena di morte è più vicino che mai. Questo voto significa che un numero sempre maggiore di Paesi vuole intraprendere passi per porre fine una volta per tutte a questa punizione crudele, inumana e degradante».

Ha concluso poi spiegando che questo voto dimostra anche un maggiore isolamento dei 35 Stati che hanno votato contro la risoluzione.

Ma i numeri fanno ben sperare: nel 1945, anno di fondazione delle Nazioni Unite, solo otto dei 51 Stati membri avevano abolito la pena di morte, una percentuale del 15%. Sono stati fatti molti passi avanti.

Petrolio: negli Usa si torna a cercarlo con le esplosioni
A Pescara bambini in ospedale sul Taxi Clown

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...