Portale di economia civile e Terzo Settore

Dona senza sorprese: la nuova campagna dell’IID

20

Merito dell’aria frizzantina che preannuncia i giorni di neve o forse della legna che arde nei camini sta di fatto che, secondo i dati divulgati dall’Istituto Italiano della Donazione (IID), sembrerebbe confermato il mito che vuole gli italiani più buoni durante il periodo natalizio.

È infatti dicembre il mese che registra nel nostro Paese il maggior numero di donazioni all’anno. La magia del Natale ci rende più solleciti e motivati a compiere una buona azione eppure non ci fa dimenticare il rischio connesso all’atto di donare: quello, purtroppo, di incappare in una truffa dando i propri soldi non a un ente benefico ma ad associazioni a scopo di lucro. La paura di essere truffati crea negli italiani un sentimento di sfiducia e sospetto nei confronti delle organizzazioni non profit tanto da scoraggiare oltre il 50% della popolazione dello Stivale a donare. Scarsa fiducia, poca trasparenza sull’uso delle donazioni, troppe spese di struttura, polemiche per i fondi non arrivati a destinazione: sono queste alcune delle principali cause che logorano la voglia di aiutare il prossimo.

In soccorso dei tanti italiani che vogliono compiere un gesto altruista senza essere presi in giro da associazioni truffaldine nasce “Dona senza sorprese”: la campagna promossa dall’IID per garantire donazioni consapevoli e in piena sicurezza. Prima di effettuare una donazione si potrà, attraverso un pratico database del non profit, controllare la validità dell’organizzazione alla quale si è pensato di regalare un somma a fini benefici. Sul portale IO DONO SICURO i donatori possono trovare l’organizzazione a cui rivolgersi con fiducia per fare una donazione di denaro o beni, offrire le proprie competenze e il proprio tempo in qualità di volontario o accedere a servizi di assistenza. La campagna, sviluppata online e sugli strumenti social, è rivolta a tutti quelli che vorrebbero donare, ma non si fidano. Edoardo Patriarca, presidente dell’Istituto Italiano della Donazione, spiega come: «l’IID lavori da sempre per costruire e tenere vive la fiducia, la trasparenza e la correttezza del non profit. Un lavoro prezioso in un’epoca in cui il rancore sociale mina i valori della solidarietà e dell’impegno». L’appello che l’IID rivolge agli italiani è quello di donare e di farlo sapendo con sicurezza a chi andranno i propri soldi e come verranno utilizzati.

In occasione della Giornata Mondiale del Dono, il 3 ottobre scorso, in Senato è purtroppo emerso come sia in calo il senso di solidarietà degli italiani nei confronti degli altri italiani: fra le motivazioni principali che hanno determinato una contrazione dell’atto di donare vi sono la crisi economica, la poca fiducia nei confronti del non profit e un clima generale di malcontento che porta molti italiani a disinteressarsi degli altri.

Per maggiori informazioni o per consultare il portale IO DONO SICURO consigliamo ai nostri lettori di consultare il sito istitutoitalianodelladonazione.it.

 

 

 

 

 

L’Irlanda cancella il divieto di aborto: approvata la nuova legge
Rom e arte: a Cosenza esperti a confronto

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...