Portale di economia civile e Terzo Settore

Amiamo il tè o il caffè? Dipende dai nostri geni

35

Tè e caffè: sono queste le bevande più consumate al mondo. Il caffè, che si aggiudica il primo posto, era già noto nel 900 d.C. per le sue proprietà energizzanti e venne introdotto in Europa dagli arabi, mentre il tè, al secondo posto, proviene dalle antiche tradizioni asiatiche ed è arrivato fino a noi attraverso la Via della Seta. E voi cosa preferite? I vostri geni potrebbero avere a che fare con i vostri gusti.

Oggi sono miliardi le tazze di caffè e di tè consumate in tutto il mondo ma come stabilire quale delle due bevande piace di più ad ognuno di noi? Oltre ai fattori della componente culturale e alle preferenze s’intende. Sembra che la genetica abbia un ruolo in questa scelta che compiamo quotidianamente. Se siamo bevitori di tè o di caffè potrebbe dipendere da determinati geni che modellano il gusto dei sapori amari.

L’amaro, nella nostra bocca, serve ad inviare un segnale di pericolo al cervello sull’eventuale presenza di sostanze nocive in quello che stiamo ingerendo. Quindi sembra un po’ strano che amiamo bere queste due bevande senza alcuna preoccupazione.

Secondo un nuovo studio della Northwestern University in Illinois, abbiamo una predisposizione genetica a percepire l’amarezza di particolari sostanze e questo ci spingerebbe a prediligere una bevanda piuttosto che un’altra. I bevitori di caffè, secondo i ricercatori, associano il gusto amaro al premio successivo di stimolazione che porta il caffè. Sono state coinvolte due serie di dati. Il primo studio è stato effettuato sui gemelli che secondo i risultati sembra che le varianti genetiche siano legate alla forza della percezione dei diversi gusti: una variante per la caffeina, una per il chinino e infine una per il propiltiouracile (prop).

Il team ha così reclutato centinaia di migliaia di partecipanti compresi tra i 37 e i 73 anni dal 2006 al 2010, sapendo anche quante tazzine di bevande consumassero al giorno. Hanno così scoperto che chi aveva una maggiore predisposizione genetica per il valore legato alla caffeina preferiva effettivamente il caffè, mentre gli altri un po’ meno.

La caffeina contribuisce non solo all’amarezza del caffè ma anche alla sua consistenza per cui le persone che sono più brave a rilevare la caffeina possono trovare il caffè più piacevole. Mentre le persone che portano i ricettori del gusto amaro per il chinino o per il prop bevono meno caffè e più tè.

“I nostri geni del gusto giocano parzialmente un ruolo su cosa beviamo: caffè, tè o alcool. La preferenza per il tè può essere vista come una conseguenza dell’estensione del caffè perché i nostri geni potrebbero aver reso il caffè un po’ troppo amaro per il palato”, spiegano i ricercatori. Voi quale scegliete?

Un probabile nuovo test per la diagnosi precoce del cancro alle ovaie
Pompei: torna alla luce un sensuale affresco

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...