Portale di economia civile e Terzo Settore

EnFem: il progetto per l’integrazione delle donne migranti

39

È nato un nuovo progetto europeo dal nome EnFem (s’Engager à mieux integre les Femmes Migrantes) cioè “Azioni europee per l’inclusione delle donne migranti”, all’interno del quale il principale rappresentante per l’Italia è stato Arci Lecce.

Per combattere la discriminazione razziale e favorire l’integrazione delle donne migranti è stata presa l’iniziativa di aprire 8 atelier creativi in differenti città. «L’obiettivo era fare in modo che le donne potessero raccontarsi attraverso i diversi laboratori che abbiamo allestito» racconta Anna Caputo di Arci Lecce.
In ognuno dei diversi Paesi dell’Unione Europea sono state coinvolte da 30 a 50 donne di età compresa tra i 16 e i 50 anni, riunendo diverse organizzazioni: Arci Lecce e Alfea Cinematografica (Italia), Maison des cultures et de la cohesiòn (Belgio), Alianza por la solidariedad (Spagna), Josa (Slovenia), Lawaetz (Germania).
L’evento si è svolto in 8 diverse città in modo da valorizzare l’importante presenza di diverse culture: Pisa e Lecce (Italia), Molenbeek e Rixensart (Belgio), Madrid e Granada (Spagna), Maribor (Slovenia) e Amburgo (Germania).

Sottolinea decisa Francesca Chiavacci, presidente di Arci nazionale: «Nel decreto Salvini passa l’idea che l’integrazione non è necessaria; invece attraverso questi progetti che lavorano sulla discriminazione si dimostra come sia fondamentale».

 Il progetto EnFem ha visto nei diversi luoghi molte attività che sono state in grado di raccontare la vita, il passato e i sogni di tante donne, donne come tutte, donne con coraggio e voglia di costruire.
L’idea dell’atelier creativo è nata in Belgio, nel comune di Molenbeek che ha testato il progetto su giovani provenienti da diverse culture e il risultato è stato ottimo, tanto da essere in grado di sviluppare un programma più ampio e a larga espansione come è diventato EnFem.

Inoltre, il fatto di registrare video e permettere alle protagoniste di raccontarsi ha prodotto materiale di grande valore documentaristico.

Greenpeace Italia: un cartone animato contro l’uso indiscriminato dell’olio di palma
Così sono costrette a vivere le famiglie rom a Melito Porto Salvo

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...