Portale di economia civile e Terzo Settore

Viaggiare in aereo è un vaccino naturale

41

Molti complottisti vedono gli aerei come una preoccupazione a causa delle famose “scie chimiche” che potrebbero trasportare infezioni e virus da una parte all’altra del mondo e scatenare epidemie. Ma se invece i viaggi in aereo potessero salvarci tutti?

Gli scienziati hanno smontato la teoria delle scie chimiche sostenendo che i viaggi aerei siano addirittura una sorta di vaccino naturale per l’intera popolazione mondiale. Secondo lo studio “Increased frequency of travel may act go to decrease the chance of a global pandemic”, la diffusione di virus e batteri rafforzerebbe il sistema immunitario di tutti e quindi le malattie non avrebbero il tempo di diventare più aggressive e di mutare.

In pratica succede proprio come quando veniamo sottoposti alle vaccinazioni. Essendo esposti a batteri e virus, il nostro corpo trova un modo per combatterli e in futuro si ricorderà di come ha fatto appunto a debellare la malattia.

Il principale autore dello studio, Robin Thompson, è uno dei maggiori esperti di pandemie e afferma che i ceppi di malattie che causano questi fenomeni si evolvono da ceppi più deboli della stessa malattia. Per cui, più questi ceppi deboli si diffondono, più le persone svilupperanno l’immunità che potrebbe proteggerle dai ceppi mutati. Questo potrebbe così evitare un’altra grande epidemia, come quelle avvenute in passato.

Questo non vuol dire che l’immunità creata dai viaggi abbatterà ogni rischio, ma che probabilmente meno persone verranno infettate e, quelle colpite, avranno meno probabilità di morire.Tuttavia la possibilità che una malattia che ad oggi interessa solo gli animali, possa fare un salto e arrivare a noi, non è esclusa – come accadde per l’HIV.
Anche se da tempo non si sviluppa un’epidemia, non è detto che non succederà nuovamente.

La Cina rimuove il divieto di commercio di ossa di tigre e di rinoceronte
Il campo rom di Olbia per ora non chiuderà

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...