Portale di economia civile e Terzo Settore

Inaugurato il ponte più lungo del mondo

14

E’ lungo 55 chilometri il ponte marino più lungo del mondo costruito in Cina, e ha a disposizione diversi “accessori ingegnosi”. La grande costruzione unisce Hong Kong, Zhuhai e Macao, le tre grandi città sul Fiume delle Perle.

L’intera costruzione, inaugurata lo scorso ottobre, è costata 20 miliardi di dollari. Il ponte è dotato di caratteristiche davvero ingegnose: è capace di resistere a terremoti di magnitudo 8, a uragani e a eventuali scontri tra navi da carico. Oltre a trovarsi in superficie è dotato di un tunnel sotterraneo in quanto il Fiume delle Perle è molto trafficato da navi da carico e non poteva essere bloccato loro il passaggio.

La costruzione del tunnel ha impiegato l’uso di diversi materiali e di numerosi lavoratori, i pilastri che lo sostengono sono grandi quanto una piccola portaerei e per essere montanti sono stati prima fatti galleggiare e poi impiantati nel fondale. Il tunnel ha delle uscite su due isole artificiali che hanno, anche loro, avuto un difficile percorso di costruzione in quanto sono grandi circa 100.000 metri quadrati e hanno richiesto 550 tonnellate di acciaio.

I veicoli che attraversano il ponte non possono superare i 100 km orari e inoltre i diversi stili di guida delle differenti città sono stati rispettati per evitare incidenti. Data la lunghezza del percorso i sistemi di sicurezza non sono stati costruiti alla leggera, uno di essi monitora la stanchezza e la salute dei guidatori, allertando le autorità se l’autista sbadiglia più di 3 volte in 20 minuti.

Ma nonostante l’opera che sembra uscita da un libro di fantascienza, essa suscita qualche critica e qualche dubbio. Infatti sembra che una delle due isole sia parzialmente sommersa sul litorale e questo ha provocato qualche domanda sull’integrità del progetto, ma i responsabili hanno subito chiarito che era parte del progetto avere una leggera immersione dell’isola. Il secondo problema lo hanno sollevato gli ambientalisti che sono preoccupati per i delfini bianchi di Hong Kong, ma anche qui le autorità competenti dichiarano che i provvedimenti sono stati adeguatamente presi.

Tanti sono i quesiti e le perplessità in quanto il ponte non sembra essere così necessario e non tutti possono accedervi. Si, perché per gli automobilisti provenienti da Hong Kong è necessario un permesso e il pagamento di una tassa annuale extra, infine il percorso prevede il passaggio dei soli autoveicoli ma non di trasporti pubblici e di treni.

D’altro canto però sembra che l’opera incentiverà il turismo e diminuirà i costi e i tempi di trasporto. Prima da Zhuhai a Hong Kong ci volevano 4 ore di viaggio, ora il tempo di percorrenza si è ridotto a soli 30 minuti.

La solitudine aumenta il rischio di sviluppare demenza senile
Living Planet di Wwf: è allarme sulla strage di mammiferi e della fauna naturale

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...