Portale di economia civile e Terzo Settore

Prevenzione: 5 statue maschili si illuminano di blu

25

E’ partita questa settimana la campagna di sensibilizzazione sul tumore alla prostata che vedrà cinque statue maschili illuminarsi di blu.

E’ il “Novembre Azzurro”, la prima campagna nazionale sul tema promossa da Europa Uomo, l’associazione italiana che da oltre 15 anni è impegnata nel campo dell’informazione sulle patologie prostatiche. Per avere un maggiore impatto, si è deciso di illuminare cinque fra le più importanti statue maschili del patrimonio artistico italiano: dal 29 ottobre al 4 novembre a Roma la statua del Discobolo nel Museo Nazionale Romano di Palazzo Massimo; a Reggio Calabria (5-11 novembre) i Bronzi di Riace del Museo Archeologico Nazionale; a Napoli (12- 18 novembre) l’Ercole Farnese del Museo Archeologico Nazionale; a Torino (19-25 novembre) l’Atleta dei Musei Reali; a Milano (26 novembre- 2 dicembre) il Napoleone Bonaparte del Palazzo di Brera.

La campagna è patrocinata dal Ministero della Salute e dall’Istituto Superiore di Sanità e punta a promuovere maggior consapevolezza della malattia nell’universo maschile, e a fornire strumenti per affrontarla. Il carcinoma prostatico è divenuto infatti, nell’ultimo decennio, la neoplasia più frequente nella popolazione maschile nei Paesi occidentali, e rappresenta oltre il 20% di tutti i tumori diagnosticati a partire dai 50 anni di età. La diagnosi precoce porta il 95% dei pazienti asintomatici a scoprire il tumore alla prostata con 10 anni di anticipo, aumentando notevolmente la possibilità di sconfiggerlo e la prevenzione riduce del 20% il rischio di morte.

Oltre alle statue maschili illuminate, la campagna prevede iniziative di sensibilizzazione nelle scuole e distribuzione di materiale informativo, oltre a tavole rotonde presiedute da esperti del settore. Saranno inoltre previste delle attività di crowdfunding per sostenere due progetti portati avanti da Europa Uomo. Il primo, di natura sociale, è l’estensione del programma “I Venerdì di Europa Uomo” alle città coinvolte in questa prima edizione della campagna: gli appuntamenti, già attivi a Milano, sono dedicati a chi è stato colpito dal tumore alla prostata e ai suoi familiari coinvolti in un percorso di sostegno. Il secondo è la promozione di uno studio rivolto al miglioramento del percorso diagnostico terapeutico, mediante un’indagine rivolta a un campione di pazienti colpiti da questa patologia.

Il genio di Leonardo da Vinci in mostra agli Uffizi
Cambiamenti climatici: c'è bisogno di tecnologie ad emissioni negative

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...