Portale di economia civile e Terzo Settore

Economia circolare: #SbloccaItaliaGameOver contro gli inceneritori

40

La mancanza d’amore verso il pianeta è una mancanza d’amore verso noi stessi!

Un problema cruciale che da anni ci tocca molto da vicino è, infatti, l’ambiente e come l’uomo lo stia distruggendo ogni giorno di più. L’estinzione degli animali, l’effetto serra, l’inquinamento di mari e terre e potremmo andare avanti ore con l’elenco di ciò che non funziona dal punto di vista ambientale e di come noi siamo, allo stesso tempo, vittime e carnefici di questo sistema.

Uno dei problemi molto pericolosi che affligge il pianeta è la gestione dei rifiuti sia industriali che urbani, un dilemma che angoscia tutto il mondo. Per potersi disfare dei rifiuti vengono usati gli inceneritori che, se da un lato distruggono l’immondizia, dall’altro immettono sostanze inquinanti nell’aria ed è per questo che l’Europa sta facendo di tutto per ridurre la mole di rifiuti che finiscono in discarica, promuovendo l’economia circolare in ogni sua forma.

E’ importante ricordare che questi impianti, infatti, non giovano né all’uomo né all’ambiente, perché le sostanze inquinanti, provenienti da un impianto di incenerimento, si disperdono nell’aria e le persone che vivono nelle vicinanze dell’impianto, sono esposte ai composti immessi nell’atmosfera direttamente, attraverso l’inalazione, o indirettamente, attraverso il consumo di cibo o d’acqua contaminati a seguito della deposizione sul suolo, sulla vegetazione e nell’acqua. Per i metalli e altre sostanze inquinanti che persistono nell’ambiente, gli effetti potenziali possono estendersi oltre l’area vicina all’inceneritore. Infatti, i composti persistenti, possono essere trasportati lontano dalla fonte di emissione, attraversare differenti trasformazioni chimiche e fisiche, e passare diverse volte attraverso il suolo, l’acqua e il cibo.

E’ alla luce di queste considerazioni che il Movimento Legge Rifiuti Zero per l’Economia Circolare ha lanciato una campagna di crowdfunding sulla piattaforma Produzioni dal basso, a sostegno del progetto #SbloccaItaliaGameOver – Contro gli inceneritori, per una vera economia circolare!

Come spiegano i promotori, «l’Italia detiene il record degli inceneritori perché la spazzatura è un vero e proprio business ed è uno dei più gettonati sia da affaristi che lobbisti, grazie ai guadagni che ci sono dietro di esso».

Il progetto prende le mosse dalla sentenza del Tar del 24 aprile 2018 sul ricorso promosso dal movimento RLZ (legge rifiuti zero) contro il decreto attuativo dell’art. 35, che ha dato un ruolo preponderante agli inceneritori definiti come “impianti strategici di preminente interesse nazionale”. Un intervento legislativo in evidente contrasto con la gerarchia comunitaria in materia di gestione dei rifiuti che vede riduzione, recupero di materia e riciclo come interventi prioritari rispetto all’incenerimento dei rifiuti.

Nel Nord e nel Centro-Sud Italia verranno costruiti otto nuovi impianti, oltre al potenziamento dei 40 impianti già esistenti. Per questo il Movimento ambisce ora a una sentenza favorevole della Corte di Giustizia Europea, in grado di vincolare tutta l’Europa.

Il progetto #SbloccaItaliaGameOver ha, però, dei costi elevati, per questo motivo il movimento RLZ ha creato la campagna crowdfunding, che serve per affrontare le spese legali necessarie per sostenere il ricorso in Europa e per informare e sensibilizzare più persone possibili.

Salvamamme: un progetto per correre da chi necessita aiuto
A spasso con gli Etruschi, tra Cerveteri e Tarquinia

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...