Portale di economia civile e Terzo Settore

Le foglie diventano più spesse a causa di troppa CO2 e influenzano il clima

102

Un nuovo studio condotto dall’Università di Washington da due biologhe – Marlies Kovenock e Abigail Swann – ha rivelato che lo spessore delle foglie degli alberi aumenta in concomitanza con la maggior presenza di anidride carbonica nell’aria, facendo contemporaneamente diminuire la capacità di assorbimento del carbonio.

Lo studio delle biologhe pubblicato sulla rivista Global Biochemical Cycles, rivela già nel titolo la scoperta:  “Leaf trait acclimation amplifies simulated climate warming in response to elevated carbon dioxide” (L’acclimatazione delle foglie amplifica il riscaldamento climatico simulato in risposta all’aumento del diossido di carbonio).

Purtroppo, nonostante noi tutti siamo ormai a conoscenza degli effetti nocivi che causiamo, continuiamo a immettere CO2 nell’atmosfera e la situazione è ormai davvero al tracollo. Lo scorso anno il Wmo – Organizzazione meteorologica mondiale – aveva certificato  che nel 2016 la concentrazione di CO2 in atmosfera aveva raggiunto il valore record di 403,3 ppm (parti per milione) e cioè il 145% in più dei valori preindustriali.

Per combattere in modo efficace l’elevata presenza di anidride carbonica nell’aria, i migliori alleati per l’uomo sono gli alberi grazie alla fotosintesi clorofilliana e proprio sugli alberi si sono concentrate le osservazioni dello studio che ha alla fine portato alla scoperta che l’elevata presenza di CO2 potrebbe causare un ispessimento delle foglie che, a sua volta, diminuisce la capacità delle foglie di piante e alberi di assorbire carbonio rilasciando ossigeno.

Foglie più spesse, dunque, causano una minore efficienza dei vegetali portandoci a dover valutare effetti drammatici sugli scenari climatici poiché l’ispessimento potrebbe causare un incremento sulle stime delle temperature globali da 0,3  fino a 1,4 gradi Celsius in più.

Ha spiegato infatti Abigail Swann: «Le piante sono flessibili e rispondono alle diverse condizioni ambientali  ma fino ad ora nessuno aveva provato a quantificare come questo tipo di risposta ai cambiamenti climatici potrebbe alterare l’impatto che le piante hanno sul nostro pianeta».

Ma non solo perché, come continua Marlies Kovenock: «Riteniamo che i modelli climatici globali dovrebbero tenere conto della fisiologia e del comportamento delle piante quando si cerca di prevedere a cosa il clima somiglierà dopo questo secolo».

Il fenomeno dell’ispessimento delle foglie – di cui ancora non si conosce il motivo – accomuna addirittura il 95% delle forme vegetali del nostro pianeta, andando dalle piante legnose alle coltivazioni come grano, riso e patate, riguardando in concreto tutte le piante che fissano il carbonio sotto forma di fotosintesi.

Ne consegue che non solo l’essere umano e gli animali siano in grado di influenzare il clima poiché anche le specie vegetali potrebbero fare la loro parte.

 

Anche una donna tra i vincitori del Nobel per la Fisica
Scolarizzazione: una sfida da vincere, la buona prassi della Comunità di Sant’Egidio

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...