Portale di economia civile e Terzo Settore

Uragani sempre più potenti: colpa del riscaldamento globale?

16

La frequenza di uragani, alluvioni, tifoni e altri eventi estremi sta aumentando sempre di più. Secondo i dati della “World Meteorological Organization” questi fenomeni violenti riguardano tutto il Pianeta e non più solo alcune zone in particolare.

Nel primo decennio del XXI secolo hanno perso la vita almeno 370.000 persone – il 20% in più del decennio precedente – al ché  l’IPCC (organismo dell’ONU che analizza gli eventi climatici) ha affermato che i cicloni saranno sempre più violenti e più frequenti.

La formazione di uragani e cicloni è influenzata dalle variazioni della circolazione atmosferica e dalle correnti oceaniche, per cui questi eventi possono essere ricondotti al riscaldamento globale?

Gli esperti danno la colpa alla quantità di maggiore energia presente sul Pianeta che è generata dalle temperature elevate. Una parte rilevante di questa energia viene accumulata dagli oceani che diventano più caldi e questo scatena gli uragani e i tifoni che per generarsi prendono forza dal mare. Va da sé che più energia c’è negli oceani, più essi diventano violenti. Dalle temperature elevate conseguono anche le inondazioni che sono anch’esse più frequenti.

Ma per quanto riguarda le cause dell’aumento di queste calamità naturali, c’è sempre stato un ampio dibattito e non è ancora del tutto certo che la colpa sia dovuta al riscaldamento globale, anche se la maggior parte degli studi porta a questa conclusione.

Il Geophysical Fluid Dynamics Laboratory, una divisione della National Oceanic and Atmophere Administration – agenzia degli Stati Uniti che si occupa di meteorologia – ha aggiornato una delle revisione più complete sul rapporto tra uragani e surriscaldamento globale.

Dal rapporto emerge che non è ancora sicuro affermare totalmente che le attività umane che causano il riscaldamento globale abbiano un impatto rilevabile sugli uragani nell’Atlantico, ma allo stesso tempo il riscaldamento antropogenico porterà a cicloni tropicali più volenti con piogge più copiose che causeranno maggiori danni.

Nell’ambito scientifico tuttavia, è normale che ci siano dibattiti e che, per avere conclusioni definitive, ci voglia tempo.

Karma: dalla Svezia l’app contro lo spreco di cibo
Contiamo fino a 5 e poi diamoci da fare

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...