Portale di economia civile e Terzo Settore

Commercio: aperture domenicali sì o no?

9

Apertura domenicale sì o no? E’ questo il dubbio amletico che in questi giorni sta spaccando a metà l’Italia tra favorevoli e contrari ai negozi aperti anche nel giorno dedicato storicamente e religiosamente al riposo.

Da un lato ci sono i consumatori, che lavorando tutta la settimana chiedono di poter dedicare il loro giorno libro alla spesa settimanale o allo shopping in generale. A questa categoria si uniscono molti commercianti che conoscono bene il volume di affari registrato nei weekend. Dall’altro però c’è chi si dichiara vittima di un sistema che non consente di godere del giorno in cui tutti gli altri riposano. Sono i lavoratori, in particolare quelli dei grandi centri commerciali, sottoposti spesso a turni usuranti e a momenti di riposo sempre più sporadici. Questo avviene anche perché assumere un lavoratore costa tanto, troppo. E allora il proprietario di un’attività preferisce “spremere” un solo lavoratore piuttosto che assumerne due e consentire dei turni equi.

Vista in quest’ottica verrebbe da dire automaticamente: chiudiamo tutti i negozi e lasciamo ai lavoratori la domenica libera per stare in famiglia. Ma sentiamo davvero l’esigenza di fare questo tuffo nel passato? Di tornare a quando il settimo giorno della settimana si indossava il vestito buono, si andava a messa e poi si sedeva tutti insieme intorno a una tavola imbandita e si godeva della gioia di stare in famiglia? Sarebbe bello ma quanto meno anacronistico.

Oggi le abitudini sono cambiate, così come anche le famiglie. Il gran numero di single, a cui si aggiungono i genitori separati che possono trascorrere del tempo con i propri figli a settimane alterne, ma anche il sempre crescente numero di lavoratori che svolgono la propria attività di domenica: sono tutti fattori che senza dubbio influenzano la routine quotidiana e che, probabilmente, rendono ormai sorpassato il concetto di domenica festiva.

Sono di parte? Probabilmente sì. Da bambina i miei genitori avevano un ristorante e quindi la domenica non era affatto dedicata ai pranzi di famiglia, così come da adulta il mio lavoro di giornalista non mi ha mai abituato al riposo nei giorni festivi. E’ probabilmente per questa ragione che non trovo nulla di male nell’ipotesi di apertura domenicale dei negozi.

Se a questo aggiungiamo la crisi generale del commercio e la sempre più diffusa abitudine di acquistare online, allora forse tenere le saracinesche abbassate tutte le domeniche potrebbe essere davvero un colpo di grazia al settore.

Ciò che senza dubbio mi sento di sottolineare però è che gli eccessi non sono mai la soluzione. Per questo personalmente dico no ai negozi aperti h24 e 7 giorni su 7 e soprattutto no allo sfruttamento del lavoro.

In medio stat virtus dicevano i latini e forse avevano proprio ragione.

Il direttore

Vignetta di copertina: Freccia

Il pappagallo Blu è stato dichiarato estinto da Bird Life
Secondo le agenzie Onu la fame nel mondo è in aumento

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...