Portale di economia civile e Terzo Settore

Viaggi: quando la disabilità non è un limite

26
Si, viaggiare! Esperienze di turismo accessibile“, evento tenutosi a Lecce il 17 agosto e promosso dall’Associazione IO POSSO, ha avuto come ospite Rosa De Candia che con la sua carrozzina ha viaggiato completamente sola in Patagonia.
L’evento è stato organizzato presso “La Terrazza-Tutti al mare“, il primo lido completamente accessibile e gratuito realizzato dall’associazione IO POSSO nel 2015, con lo scopo di permettere l’accesso al mare a tutti, anche a persone affette da malattie invalidanti molto gravi.
Rosa racconta come ha imparato a viaggiare da sola nonostante sia costretta a sedere su una carrozzina. Dapprima viaggiava con le amiche utilizzando i tour organizzati dalle agenzie di viaggio, poi però ha deciso, coraggiosamente, di cominciare a viaggiare da sola, imparando a scoprire i propri limiti. Nei viaggi in Sud America ha trovato il modo di aiutare un’associazione che si occupa di bambini disabili e ha partecipato ad attività di volontariato per alcuni mesi.
Un’altra ospite, Giorgia Rollo, presidente di 2HE, associazione promotrice di IO POSSO, ha poi raccontato di quanto sia importante trovare strutture adeguate e superare la paura di uscire di casa. “Il problema non è solo della struttura turistica ma anche di tutto ciò che serve per raggiungerla: trasporti pubblici e ricettività complessiva” – ricorda la Rollo. Se ben adeguato e organizzato, questo tipo di turismo può avere una grande affluenza ma spesso viene sottovalutato.
Federica Legittimo poi è intervenuta proprio per parlare di cultura accessibile. La sua associazione “Poiesis” si occupa di permettere alle persone cieche, ipovedenti o sorde di usufruire dei beni culturali salentini. Ad esempio è stato realizzato in scala il rosone della Basilica barocca di Santa Croce a Lecce per un progetto per non vedenti, con l’aiuto di artigiani leccesi e di un’orchestra locale a cui hanno partecipato musicisti non udenti.
Infine, Eleonora Censori, è intervenuta in videochiamata da Bruxelles per raccontare l’esperienza di DestinationEverywhere.eu, un sito di vacanze accessibili a persone con disabilità gravi. Tra le mete più gettonate in Europa c’è Barcellona e in Italia invece è Venezia la città più adatta a questi viaggiatori. La città oltre ad avere itinerari appositamente dedicati ha messo a disposizione una gondola per persone in carrozzina.
Tredici immobili del Sud Italia accedono alla fase finale de “Il bene torna comune”
Preti pedofili: la lettera di Francesco al popolo di Dio

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...