Pubblicato il 2 agosto 2018

Modestino Di Nenna: “Ai David di Donatello il mio film contro le barriere”

Molti di loro possiedono delle disabilità fisiche, ma non chiedono sconti a nessuno e sono pronti a dare del filo da torcere ai loro “colleghi” professionisti in lizza per il David di Donatello.

E’ l’allegro cast del film “Sotto il segno della vittoria”, capitanato dal regista Modestino Di Nenna, che Felicità Pubblica ha incontrato per conoscere questo particolare esperimento sociale e cinematografico.

Il regista campano, che già a partire dai precedenti film “La seconda vita” con Giancarlo Gianni, “Un viaggio serio ma non troppo” e “Tutto può accadere nel villaggio dei miracoli”, ha infatti dato avvio a un nuovo filone di cinema. Ed è proprio lui a spiegare di che cosa si tratta in questa intervista.

Un Ferragosto speciale con i City Angels
La Regione Lombardia rilancia i consultori

Tags: , , , , ,

Antonella Luccitti

Giornalista e direttore responsabile del portale "Felicità Pubblica". Amo la scrittura, il cinema e i viaggi.

1 risposta

  1. Ma il film non era dell associazione irpina noi con loro ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...