18app

Pubblicato il 14 luglio 2018

Il Bonus Cultura 18app verrà confermato e dal 2020 si amplierà la platea

Il ministro della Cultura Alberto Bonisoli ha recentemente fugato ogni dubbio riguardo alla proroga del bonus cultura 18app di 500 euro di cui si è discusso nei giorni scorsi in Senato. Anzi, il ministro ha sostenuto che non solo il progetto è confermato ma «non riguarderà più solo i diciottenni».

In un primo momento il ministro si era schierato contro 18app (così viene chiamato il decreto diventato attuativo nel marzo 2018), ma si è dovuto ricredere ed è stato lui stesso a elencare i successi ottenuti: il 65% dei soldi sono stati spesi dai diciottenni per acquistare libri, il 12% per cd e musica, il 10% per concerti, il resto per teatro, danza e altre attività.

Bonisoli ricorda che nel 2015, quando il bonus fu lanciato dal governo Renzi, non era previsto l’acquisto di libri, possibilità che è stata aggiunta grazie a un emendamento del Movimento 5 stelle e firmato dall’attuale sottosegretario al Mibact Gianluca Vacca.

Ed ecco quindi che non solo 18app è già inserito nella Legge di bilancio del 2018 e del 2019, ma l’intento del ministro della Cultura è quello di far diventare strutturale questo bonus. Un progetto, insomma, che possa incrementare gli strumenti culturali e soprattutto incidere a lungo termine sui prodotti di questi strumenti. A tale scopo verranno probabilmente inclusi anche ragazzi di 19 anni e si partirà magari dalle scuole per allargarlo ulteriormente ad altre fasce di età.

Non solo: è prevista una commissione formata da esperti che si occuperà dei correttivi da mettere a punto per il nuovo decreto strutturale, individuando anche il modo più consono e corretto per farli.

L'Irlanda ha ufficialmente vietato il fracking
Auser: in Basilicata sono gli anziani a far rivivere i borghi antichi

Tags: , , , , , , , , , , , ,

Patrizia Abello

Sono nata a Milano da genitori piemontesi. Mi sento però a tutti gli effetti milanese perché amo profondamente la mia città. Ho svolto nel corso degli anni praticamente tutti i lavori inerenti ad aziende di commercio alimentare. Sono poi passata a interessarmi di economia e finanza ma le mie passioni rimangono quelle umanistiche, in particolare la Storia. Mi piace molto scrivere, attività che ho sempre svolto con molta passione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...