farmaci

Pubblicato il 11 luglio 2018

Farmaci potenzialmente dannosi: li elenca Prescrire

Ogni anno la rivista francese Prescrire  pubblica un rapporto in cui elenca una serie di farmaci che possono avere effetti collaterali sgraditi e possono venire sostituiti da altri meno dannosi.

Secondo il rapporto 2017, ogni anno viene dato il permesso a commercializzare farmaci nuovi, ma troppo spesso non si hanno prove sufficienti né sulla reale efficacia né su cosa comporti la loro assunzione.

Addirittura si legge nel rapporto: «A volte sono meno efficaci o addirittura dannosi, eppure continuano a godere di ottima fama tra operatori sanitari e pazienti».

Ecco quindi che Prescrire fa una sorta di lista nera di ben novantuno farmaci che, se assunti, hanno un rapporto rischio-beneficio sfavorevole: si tratta di farmaci diffusi e venduti in tutta l’Unione europea, che saranno oggetto di altri controlli, in modo da studiarne gli effetti negativi, positivi e la loro efficacia.

La rivista tiene a sottolineare la serietà dei metodi utilizzati e spiega: «La valutazione da parte di Prescrire del rapporto rischio-beneficio di un farmaco in una data situazione si basa su un processo rigoroso: ricerca documentale sistematica e riproducibile, determinazione dei criteri di efficacia per i pazienti, gerarchizzazione dei dati scientifici in base al loro livello di evidenza, confronto rispetto al trattamento standard, presa in considerazione degli effetti avversi e di una loro quota di incognite».

E ancora: «L’uso di questi farmaci nel corso di una ricerca clinica può essere accettabile, ma a condizione che si informino i pazienti delle incognite sul rapporto rischi-benefici e che sia utile una valutazione. Negli altri casi, è meglio concentrarsi sui trattamenti utili ad aiutare i pazienti a tollerare l’assenza di opzioni in grado di cambiare la prognosi o di migliorare la qualità della vita, al di là dell’effetto placebo».

I farmaci elencati vanno dal trattamento del raffreddore ai decongestionanti, dagli antinfiammatori agli antidolorifici sino ad arrivare a patologie più specifiche ma che possono esporre il paziente per esempio a rischi cardiovascolari e a volte persino mortali.

Come spiegato, i farmaci sono addirittura 91 e sono elencati con il loro principio attivo. Per vederli uno per uno è possibile scaricare il pdf cliccando sul sito della rivista.

Ecomafia: un disastro che la politica non può più ignorare
Favorire l'inclusione dei disabili: that's the question

Tags: , , , , , , , , ,

Patrizia Abello

Sono nata a Milano da genitori piemontesi. Mi sento però a tutti gli effetti milanese perché amo profondamente la mia città. Ho svolto nel corso degli anni praticamente tutti i lavori inerenti ad aziende di commercio alimentare. Sono poi passata a interessarmi di economia e finanza ma le mie passioni rimangono quelle umanistiche, in particolare la Storia. Mi piace molto scrivere, attività che ho sempre svolto con molta passione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...