Portale di economia civile e Terzo Settore

L’insonnia riguarda anche i bambini: i 10 consigli della Società italiana di pediatria

5

L’insonnia non è un problema diffuso solo fra gli adulti, purtroppo si tratta infatti di un problema che riguarda anche i bambini, soprattutto se non vengono presi opportuni accorgimenti e seguite precise regole di comportamento.

A questo scopo, la Società italiana di pediatria, nel corso di un congresso, ha volto rilasciare un decalogo al quale attenersi per favorire il sonno notturno dei più piccoli.

1 La prima regola fondamentale è coricarsi allo stesso orario tutte le sere. Ancora meglio se l’orario del sonno risulta essere uguale per tutta la famiglia. Gli esperti specificano inoltre che i ritmi della famiglia dovrebbero adattarsi a quelli del bimbo e non il contrario.

2 Il bambino, per evitare spiacevoli problemi d’insonnia, dovrebbe riposare sempre nello stesso ambiente con luci soffuse ed eventualmente con un sottofondo musicale dolce.

3 Durante i primi due o tre mesi di vita, com’è noto, non è possibile capire con precisione quando il piccolo ha molto sonno. Ma nel periodo successivo – non appena ci si rende conto che il bambino non succhia più il latte con forza e tende a chiudere gli occhi, bisogna allontanarlo dal seno e adagiarlo nel suo lettino

4 Fondamentale è rispettare l’orario dei pasti durante la giornata.

5 Assolutamente da bandire l’utilizzo di tablet e altri dispositivi elettronici dopo cena. Non farebbero che aumentare l’eccitabilità del piccolo.

6 Evitare di somministrare troppa acqua o cibo prima di andare a dormire.

7 Far caso all’esposizione alla luce che naturalmente non deve essere eccessiva.

8 Dopo le 16 è sconsigliata la somministrazione di bevande eccitanti quali tè, bibite alla caffeina e cibi contenenti cioccolata dal momento che favoriscono l’insonnia

9 Preferire piuttosto cibi ricchi di fibre e triptofano che è un precursore della melatonina, come ad esempio carni bianche, pesce azzurro, verdure verdi, legumi e cereali.

10 Mai bambini nel letto dei genitori perché favorire l’autonomia significa, di riflesso, permettere che si abituino al loro ambiente.

Csv Asti-Alessandria: una campagna per incoraggiare anche i cittadini stranieri a fare volontariato
Tutti al mare, ma attenzione ai divieti!

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...