Portale di economia civile e Terzo Settore

Unicef: droni per portare i vaccini nelle isole sperdute del Pacifico

9

Tutti conosciamo i droni e le loro più disparate applicazioni: da quelle più nobili – dal trasporto del sangue per le trasfusioni ai kit medici in caso di disastri ai defibrillatori – alle peggiori, come denunciato più volte da Amnesty International. Ora questi elettronici “uccelli” volanti potrebbero essere applicati per una causa nobilissima grazie alla sensibilità e all’impegno di Unicef.

L’obiettivo della Onlus che si occupa della tutela dei bambini, infatti, è quello di riuscire a consegnare dei vaccini nelle isole sperdute che compongono l’arcipelago di Vanuatu, nel Sud Pacifico. Si tratta di circa 80 isolette, alcune delle quali davvero difficili da raggiungere con i mezzi tradizionali, per questo Unicef ha lanciato una richiesta alle compagnie di tutto il mondo per realizzare il servizio.

«Vanuatu, che è formato da 83 isole su un’area lunga 1600 chilometri», spiega l’agenzia Onu sul proprio sito, «è il terreno ideale per testare le capacità dei droni, che dovranno portare i vaccini dalle tre isole principali alle altre abitate, consegnandoli agli operatori sanitari».

«Ogni isola ha molti villaggi remoti isolati», spiega Christian Vasquez dell’Unicef. «Le persone vivono in gruppi familiari e non ci sono strade tra un villaggio e l’altro. Quando i nostri operatori cercano di portare i vaccini in queste aree spesso devono camminare per ore in montagna, sempre cercando di tenerli freddi».

Si tratta per il momento di una forma di sperimentazione che, stando a quanto previsto da Unicef, potrebbe provare che i droni sono in grado di rendere più veloce la distribuzione in maniera economicamente sostenibile. Nel caso di buon esito dell’iniziativa, il modello potrebbe essere esportato in contesti simili.

Il gatto: un prezioso alleato per i bambini autistici
Punteggiatura, il libro di stoffa a Right to the city a Bologna

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...